Antartide, Leo Houlding e compagni in cima allo Spectre

Primo obiettivo conquistato in Antartide per il team anglo-francese

13 dicembre 2017
Prima conquista in Antartide per Leo Houlding che in compagnia di Jean Burgun e Mark Sedon hanno raggiunto, seppur non per il percorso originale, la vetta dello Spectre.

Come avevamo preannunciato infatti, questo è uno dei team stellari che quest’anno hanno rivolto le loro attenzioni al continente di ghiaccio dove le sfide sono più che mani aperte. Lo Spectre, con un’altezza massima di 2020 metri, è una delle Organ Pipe Peaks che fanno parte delle Gothic Mountains.

Houlding, Burgin e Sedon hanno seguito una variante dell’originale via di Mugs e Edmund Stump che tra il 1980 ed il 1981 avevano conquistato la cima, ripiegando in questa maniera dall’obiettivo iniziale che era la libera integrale lungo la parete sud, versante reso impossibile dalle condizioni meteo.

Ovviamente Houlding e soci non hanno trovato comunque vita facile. Partiti il 7 dicembre alle 8.00, dopo circa due ore hanno raggiunto un couloir con una pendenza di 50° salito in altre due ore circa. Da lì, una quindicina di tiri di misto secondo Houlding decisamente tecnici ed impegnativi, li hanno condotti in cima, dove sono arrivati intorno alle 23.00. Per tutto questo viaggio li hanno accompagnati un leggero strato di nuvole ed una temperatura prossima ai -10°C, “freddo ma sopportabile”.

Il brutto tempo in arrivo li ha costretti quindi ad una discesa forzata senza praticamente riposo, riportandoli al campo intorno alle 5.00 del mattino del giorno seguente. Ora sono al campo a riposare ma stanno già progettando il secondo obiettivo della spedizione. Attendiamo.

news desnivel

Eigerextreme 740x195 it

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875