ALPHANE ANCHE PER WILL BOSI! - Up-Climbing

ALPHANE ANCHE PER WILL BOSI!

La terza salita… e i dubbi sulla valutazione

A pochi giorni da Roberts, anche lo scozzese si aggiudica la linea di Raboutou a Chironico

Abbiamo aspettato questa news di giorno in giorno, sapendo che, nonostante le pessime condizioni climatiche del mese di ottobre, un climber dal livello incredibile come Will Bosi avesse sicuramente buone possibilità di farcela, galvanizzato oltretutto dalla recente ripetizione dell’amico Aidan Roberts… E così è stato!

Due giorni fa Will ha scritto anche lui il suo nome su Alphane, effettuandone la terza salita. Anche se è inutile farlo, dato il clamore mediatico di questi ultimi tempi, ricordiamo che Alphane è una lunga linea sullo gneiss di Chironico, liberata in aprile da Shawn Raboutou che, supportato dai pareri di climber come Woods, Cameroni, Webb e altri, propose una valutazione di 9A, il quarto del boulder.

Inutile dire che subito questa linea è diventato l’obiettivo di molti top climber, tra i quali appunto Roberts e Bosi, che già avevano potuto provarla in primavera proprio insieme a Raboutou, quando ancora era un progetto. Entrambi vi si sono subito focalizzati, creandone delle repliche sui propri pannelli per tornare insieme in questa stagione autunnale. E ora per entrambi si è concretizzato il successo sperato!

Will Bosi su Alphane. Foto: Sam Pratt

Dopo 10 sessioni in questo viaggio, ad aggiungersi alle due precedenti in primavera, anche il 23-enne scozzese va a segno, nonostante le difficoltà climatiche degli ultimi giorni. A proposito della sua salita, Will infatti commenta:

“Alcune sessioni fa non ero sicuro se Alphane sarebbe andato in questo viaggio, la temperatura è stata insolitamente calda, alcuni giorni di pioggia lo avevano reso molto umido e la linea era umida qui e là.  Tuttavia, la crew qui fuori è riuscita a mantenere la motivazione davvero alta e il problema è stato risolto rapidamente. I movimenti su questa linea sono così belli, e dopo molto tempo sul masso sono stato davvero felice di aggiudicarmi la terza salita!”

Mentre Aidan non si era voluto sbilanciare sul grado, aderendo all’idea di Raboutou & Co, Bosi è invece più dubbioso:

In relazione al grado, personalmente sento che Honey Badger (8C+) sia stata una sfida maggiore per me e proporre un grado per quello all’epoca era intimorente poiché era il mio primo 8C+. Alle frontiere dell’arrampicata, dare una valutazione appare molto più difficile poiché i margini sono molto più fini e i punti di forza e le preferenze personali entrano davvero in gioco. È 9A? Onestamente non lo so e man mano che acquisisco più esperienza nell’arrampicata in questa fascia di grado, potrei avere una visuale migliore, ma è una linea fantastica aperta da Shawn e non vedo l’ora di vedere climber più esperti commentare dove si ponga il grado”.

Un dubbio che comunque deve essere contestualizzato alla luce del 2022 di Will: tra 9a+ in falesia, una pioggia di salite nel boulder con ben 12 linee di 8C e oltre, un 8B+ flash, un viaggio di incredibile tenenza in Repubblica Ceca per poi tornare in patria e liberare appunto mostri come Honey Badger, può anche essere che lo scozzese non si rende del tutto conto di quanto alto sia il suo livello!

In ogni caso, che sia o no 9A, onestamente poco importa. Alphane è una linea che sicuramente rappresenta la frontiera del boulder moderno, e con la sua ripetizione Bosi dimostra di essere uno degli arrampicatori con tutte le carte in regole per andare ancora oltre, per esplorare nuovi lidi di difficoltà sia nel boulder che in falesia.

Albertaccia

Fonte: Instagram / Comunicato Stampa

Condividi: