ANTICIPAZIONI DAL MELLOBLOCCO 2023! - Up-Climbing

ANTICIPAZIONI DAL MELLOBLOCCO 2023!

Intervista a Stefano Scetti, ospite de Il Paese dei B(a)locchi

Il podcast della puntata del 15 dicembre

Quella di questa settimana è una puntata d’eccezione della trasmissione Il Paese dei B(a)locchi di Climbing radio. Infatti, il nostro viaggio nel boulder è stato dedicato interamente al Melloblocco, il mitico raduno di boulder che nei primi due decenni del nuovo millennio ha attirato in Val Masino migliaia e migliaia di boulderisti da tutto il mondo, prima che diverse vicessitudini locali portassero alla sua amara fine…
Come annunciato alcune settimane fa però, a sorpresa il Melloblocco tornerà nel 2023! La resurrezione di una manifestazione che è stata davvero amatissima e ha portato tantissimi arrampicatori a vivere l’atmosfera meravigliosa di questa valle, culla storica del boulder italiano.
In questa puntata ne parliamo con Stefano
Scetti, uno dei padri del Melloblocco, che ci ha appunto dato alcune anticipazioni su cosa sarà l’edizione 2023.
Discutendone insieme abbiamo avuto modo di ripercorrere ciò che il Melloblocco è stato, rimarcando soprattutto quello che è il bellissimo spirito di aggregazione e passione che ha sempre caratterizzato questa manifestazione e il ruolo che potrà avere ora anche nell’avvicinare ad una pratica attenta e consapevole i tantissimi ragazzi che si sono avvicinati al boulder negli ultimi anni. Per ora Stefano non ha potuto rivelarci dettagli precisi sul programma, essendo ancora nel vivo della fase organizzativa iniziale, ma ci ha promesso un’altra intervista non appena tutto sarà maggiormente definito.

Per chi quindi ha sempre amato questo bellissimo raduno o per chi ne ha sentito parlare e vuole conoscerne di più, non vi resta innanzitutto che riascoltare la puntata di ieri nel podcast di seguito riportato, nell’attesa di riparlarne con Stefano e poi vivere il Melloblocco di persona in Val Masino nel maggio 2023. In alternativa, potete riascoltare l’intervista anche su Spotify, al seguente link.


Godiamoci quindi questo antipasto, in preparazione al gustosissimo pranzo che ci attende nel prossimo futuro!

Albertaccia

Condividi: