Ondra c’è!

Grande vittoria per Adam e Janja Garnbret a Meiringen

08 April 2019

 

Si apre con un bello spettacolo la Coppa del Mondo Boulder 2019: il report della gara.

 

Ci siamo! La stagione di Coppa del Mondo Boulder 2019 si apre in Svizzera, con la consolidata tappa di Meiringen e mai come quest’anno ha un significato importante.

Infatti, siamo ad un anno dal debutto olimpico dell’arrampicata e gli aspiranti alla qualificazione per Tokyo si devono confrontare in tutte e tre le discipline. Il livello è altissimo e i possibili vincitori agguerriti più che mai!

Sappiamo ormai dalle ultime stagioni che, specialmente nel boulder, basta un piccolissimo errore per cadere nel baratro… Lo sperimenta questa volta sulla sua pelle Jakob Schubert, con una qualifica che lo vede molto lontano, addirittura 47°. Ma non è il solo a rimanere fuori dalla semifinale: Jan Hojer è il primo escluso (21°), Sean McColl anche (24°) così come molti altri. Analogamente tra le donne: arrampicatrici ben note come ad esempio Brooke Raboutou (29°), Margo Hayes (37°), Ashima Shiraishi (70°) sono molto lontane da qualunque possibile lotta…

Di nuovo dominio giapponese tra gli uomini con 7 atleti semifinalisti su 20.

Anche gli italiani sono presenti e i loro risultati sono in linea con quelli delle precedenti stagioni: Marcello Bombardi (25°) e Michael Piccolruaz (27°) sono vicinissimi a guadagnarsi un posto per la semifinale mentre più indietro Francesco Vettorata (93°) e Ludovico Fossali (99°).

A tenere alto il tricolore è però ancora Stefano Ghisolfi, quest’anno nell’arena dei boulderisti proprio in vista di Tokyo. Buon inizio per lui! In compagnia di Megos entra come ultimo in semifinale e terminerà 18° a fine gara. Tra le ragazze, arrivano ad un passo dal turno successivo Camilla Moroni (23°) e Anna Borella (25°) mentre Miriam Fogu è 53°, seguita da Laura Rogora (59°) e Giulia Medici (91°).

Le semifinali come al solito sono agguerrite e il livello altissimo. Adam Ondra domina ed insieme al coreano Jongwon Chon è l’unico atleta non nipponico ad andare in finale…gli altri quattro sono infatti Tomoa Narasaki, Rei Sugimoto, Kokoro Fujii e Tomoaki Takata. Primo escluso, Alexsey Rubtsov, più indietro il dominatore delle qualifiche Nathaniel Coleman (17°) così come solo 11° Jernej Kruder, che qui l’anno scorso aveva aperto la stagione da vincitore.

Nella categoria femminile, quattro sono le solite protagoniste che già avevano battagliato le scorse stagioni: Janja Garnbret, Akiyo Noguchi, Shauna Coxsey e Fanny Gibert, accompagnate dalla svizzera Petra Klingler e da Oceania Mackenzie.

 

Nelle finali lo spettacolo giunge al suo culmine!

Primo blocco in stile parkour dove i giapponesi sono a loro agio come al solito mentre Ondra ha qualche difficoltà in più. Alla fine gli sono necessari 5 tentativi per chiuderlo ed in totale sono 5 atleti a fare top. La difficoltà gradualmente aumenta e sul terzo blocco sono solo in due a fare top e a giocarsi la vittoria: Tomoa Narasaki e Adam Ondra! Tomoa è avanti, con qualche tentativo in meno sui top e il quarto blocco è quindi decisivo. Un blocco inusuale, una fessura ad incastro creata mediante un puzzle di volumi e che sputa via i climber uno dopo l’altro, senza nemmeno vederli arrivare alla zona. Solo Jongwon Chon arriva al bonus un po’ fortuitamente ma cade andando al top.

Ultimo a uscire è Ondra e ha bisogno di fare almeno la zona per vincere…Adam parte, arriva alla fessura, incastra la mano e lì dove tutti esplodevano via, il ceco risulta quasi umiliante: con la mano sinistra saldamente incastrata, si gira e incita il pubblico. Meiringen esplode, Adam fa zona e conquista il top. La vittoria è sua! Tomoa Narasaki si deve accontentare del secondo posto mentre Rei Sugimoto completa il podio.

Dopotutto, scalare sulle big wall californiane con le loro fessure a incastro qui ha dato la carta vincente ad Ondra!

 

Anche tra le donne le emozioni sono assicurate. Anche l’inizio di Janja Garnebret è tutto in salita: la Noguchi e la Coxsey chiudono il primo blocco mentre la slovena cade per tre volte al top, ferendosi anche alle dita. Niente top per lei. Sul secondo si riprende alla grande, mentre le rivali sbagliano. Sul terzo è ancora battaglia, con tutte e tre a top per arrivare all’ultimo blocco in una situazione ancora del tutto incerta: Shauna Coxsey non ce la fa mentre Janja Garnbret sale il blocco in tre tentativi. Akiyo Noguchi ha la pressione di dover chiudere il blocco per poter vincere e regge bene, salendolo anche lei in tre tentativi. La slovena e la giapponese hanno lo stesso numero di blocchi e zone, ma i tentativi dei top sono favorevoli a Janja che vince questa tappa davanti ad Akiyo Noguchi, terza Shauna Coxsey.

 

Gara entusiasmante e tutto perfetto quindi in questa prima tappa di Meiringen.

L’arena si è aperta, e già questo weekend si torna a combattere, con la seconda tappa a Mosca…

 

Classifica finale maschile:

1 Adam Ondra

2 Tomoa Narasaki

3 Rei Sugimoto

4 Kokoro Fujii

5 Jongwon Chon

6 Tomoaki Takata

 

Classifica finale femminile:

1 Janja Garnbret

2 Akiyo Noguchi

3 Shauna Coxsey

4 Fanny Gibert

5 Petra Klingler

6 Oceania Mackenzie

740x195 climbingpro

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875