Giorgio Tomatis, 5 domande al forte e giovane scalatore dopo il primo 9a - Up-Climbing