Lettner e Lorenzi vincono a Bressanone

Grande successo per la gara italiana

10 May 2022
Sandra Lettner e Simon Lorezi  vicino la coppa Europa boulder a Bressanone.

Nella futuristica palestra di Bressanone si è svolta la prima gara internazionale senior, in concomitanza con la prova di coppa del mondo boulder di Seoul. Dalle prime edizioni, dove la coppa Europa boulder veniva considerata una gara minore, le cose stanno cambiando, tanto da vedere un sacco di grandi nomi tra i partecipanti alla gara in Alto Adige. I migliori interpreti del boulder europeo si sono recati a Brixen, dove uno staff già super rodato e capitanato dalla Campionessa del mondo Alexandra Ladurner ha contribuito a creare un ottimo evento ed un grande spettacolo, con un vasto pubblico presente. Gli azzurri si sono presentati in grande spolvero e, specialmente nelle donne, i buoni risultati non si sono fatti attendere.

La quasi totalità delle italiane iscritte alla gara si è conquistata un pass per la semi, contribuendo a creare uno dei bottini più prolifici di sempre per la squadra azzurra. Delle otto atlete al via infatti ben cinque hanno passato la qualifica. Al termine della finale, la fortissima Sandra Lettner (AUT) ha sbaragliato la concorrenza, conquistando l'oro con quattro top. Separate sull'orlo dei tentativi le altre due atlete sul podio, Eliska Adamovska (CZE) e Agatha Calliet (FRA). La prima italiana in classifica è Irina Daziano, che ha concluso dodicesima dopo una buona semifinale. Subito dietro di lei le altre quattro italiane, compatte dalla quindicesima alla diciottesima posizione: Giulia Medici, Federica Papetti, Francesca Matuella e Miriam Fogu. Alle loro spalle, vicine ad un posto in semi, Alessia Mabboni ventisettesima, Federica Mabboni trentacinquesima e Leonie Hofer cinquantesima.

Il round è stato ben più duro nei maschi, dove solo Filip Schenk ha conquistato la semi con un'eccellente qualifica, terminando poi dodicesimo nella classifica finale. In una gara fotocopia Simon Lorezi (BEL) la spunta su Mathieu Ternant (FRA) grazie alla semi, mente Yannick Flohe (GER) conclude il podio dimostrandosi fortissimo sul fisico. Subito al di fuori della semi troviamo Michele Bono ventiduesimo e Pietro Vidi ventitreesimo, con Stefano Ghisolfi e Nicolò Sartirana poco lontani, rispettivamente in ventisettesima e ventinovesima posizione. Trentanovesimo posto per Simone Tentori, cinquantacinquesimo per Filippo Rabaglia e sessantunesimo Simone Mabboni.

Il vincitore Simon Lorezi ha dichiarato: “Sono molto felice di aver vinto, sono soddisfatto della mia performance e sono felice di essere qui in Italia perché è una nazione meravigliosa. Mio padre è italiano, originario di Alleghe, quindi mi sento a casa. I boulder non erano difficilissimi, ma non puoi fare nessun errore se vuoi vincere perché tanti atleti raggiungono i top. Sapevo di dover arrampicare alla perfezione, quando i boulder sono più difficili invece puoi permetterti di fare qualche errore in più. Sarò qui anche per la Coppa del Mondo di giugno, speriamo in un altro buon risultato, chissà!

Mentre le parole della vincitrice Sandra Lettner sono state: “Sono super felice di aver vinto questa gara. Non me l’aspettavo perché nelle ultime settimane ho avuto qualche problema. Ancora non ci credo! Il boulder più difficile era il terzo, dove c’erano prese piccole ma ce l’ho fatta comunque… quindi bene! Vertikale è una delle migliori palestre che ci siano, sono venuta anche nel 2019 e ho vinto anche in quell’occasione. Ora ci sarà un’altra tappa e cercherò di dare il mio meglio, arrampicando come so fare.

Il prossimo appuntamento internazionale a Bressanone ora è pieno di peperoncino, dopo un grande successo per questa gara, la coppa del mondo sarà spaziale!

Fonte AVS 

Cortesia foto FASI ItaliaClimbing

Alessandro Palma

 

Banner c

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875