Condizioni sul Monte Bianco 24 agosto

Bollettino tratto da La Chamoniarde

26 August 2020
Di seguito il bollettino delle condizioni delle vie alpinistiche nel massiccio del Monte Bianco tratto dal sito La Chamoniarde.

Come sempre a fine stagione ci sono ghiacciai tormentati, sezioni in ghiaccio vivo/nero, roccia asciutta e buone condizioni per scalare a condizione che le terminali siano superabili. Attenzione ai ponti di neve e alle zone potenzialmente instabili (scariche). Per il fine settimana si attende un cambiamento con precipitazioni e calo delle temperature.

Bacino del Tour. Accesso all’Aiguille du Tour per il Col du Tour (il Col Supérieur è molto secco), corde fisse. Il pendio superiore della Petite Fourche è ghiacciato.
Charpoua. Condizioni limite sul ghiacciaio per la Traversata dei Drus. Il rifugio chiude domani.
Leschaux. Un po’ di neve sulla nord delle Jorasses ma ancora qualche cordata sulla Cassin. Buone condizioni sulle altre vie di roccia dei dintorni.
Aiguilles de Chamonix. La terminale Charmoz-Grepon è superabile ma il ghiacciaio è molto esposto alle scariche di pietre. Si scala all’Envers des Aiguilles, niente da segnalare a parte la terminale della République/Grepon Mer de Glace che probabilmente non è più superabile.
Settore dell’Aiguille du Midi. La via dei Trois Monts è stata ripetuta malgrado le condizioni tecniche. La terminale del Tacul evolve sfavorevolmente: al momento si consiglia il passaggio a destra, sotto un grosso seracco (vedere foto). La salita al Maudit impone un tratto su ghiaccio ripido (necessarie due picche, ramponi da ghiaccio e viti).
Settore di Punta Helbronner. Un’altra frana si è prodotta lungo il pendio d'accesso alla Gengiva del Dente del Gigante. Frequentate Aiguilles Marbrées e Aiguilles d’Entrèves. Ancora ripetuta la traversata delle Jorasses, via normale in condizioni “limite”.
Via normale francese al Monte Bianco. Ritorno a condizioni normali, scariche di sassi meno frequenti e meno importanti.
Via normale italiana. Il Rif. Gonella è chiuso dal 18 agosto.
Settori meridionali del massiccio. I Dômes de Miage sono ancora frequentati partendo dalla Bérangère (un po’ di ghiaccio sulla cima orientale) e scendendo dal Glacier de Trè la Tète. Una grossa frana si è prodotta sui pendii sovrastanti il Ghiacciaio di Miage (francese). L’itinerario di salita al Ref. Durier non è stato coinvolto ma si trova piuttosto vicino: per il momento si consiglia di salire al rifugio passando dai Dômes de Miage. Buone condizioni sulla traversata dell’Aiguille de Bionnassay.

 

Il bollettino completo e in lingua originale si trova sul sito de La Chamoniarde.

Banner c annuario2020

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875