Forza Gioele, 500 m, D7, WI4

Nuova via di misto/dry sul Monte Bianco

14 January 2020
Filip Babicz e Denis Trento hanno aperto "Forza Gioele", una nuova via di misto moderno e drytooling sulla Pointe de l’Andosace (Monte Bianco).

La montagna, tanto per cambiare, anche quest’anno è drammaticamente secca. Le effimere linee di ghiaccio che facevano la gioia degli alpinisti negli ultimi decenni, ora per niente o parzialmente formate, sono ormai accessibili solo a chi se la cava bene con il misto moderno. Come i due membri della Sezione Militare di Alta Montagna dell’esercito, che per tracciare la loro nuova via hanno seguito una debole scia di ghiaccio, molto sottile e non sempre continua, che li ha comunque condotti fino in cima all’Androsace, regalando loro un’arrampicata sostenuta per tutti i 500 metri della via.

«Il 3 gennaio abbiamo aperto i primi sette tiri fino a un colle a circa 4000 m per poi ridiscendere prima del buio» racconta Denis Trento. «Siamo tornati il 9 per ripetere la via e aprire gli ultimi tre tiri fino alla cima dell’Androsace. Il primo di questi tre tiri include oltre 20 m completamente dry (grando proposto D7). Siamo arrivati in cima alle 12 e scesi in doppia. La via è molto bella e continua, merita una ripetizione».

Infine la dedica: «Abbiamo chiamato la via “Forza Gioele” per incoraggiare il figlio di un nostro collega, fortissimo scialpinista, che da quando è nato è impegnato, in cordata con i suoi genitori, in una scalata per arrivare ad avere una vita normale e che proprio nei giorni delle feste era nuovamente in un ospedale lontano da casa. Ora Gioele per fortuna sta di nuovo meglio e siamo sicuri che da grande potrà portare suo papà a ripetere questa via».

Attualmente Filip Babicz è in viaggio per unirsi a una spedizione invernale polacca al Batura.

 

Monte Bianco, Alpi Graie (Francia)
Pointe de l’Andosace 4107 m, versante est
Forza Gioele
Filip Babicz, Denis Trento, 3 e 9 gennaio 2020
500 m (600 m di sviluppo), D/M7, WI4

 

Materiale: classico da ghiaccio e misto moderno in alta quota con 2 corde da 60 m, serie di friends (BD 0-4, doppi 0.75-1), 2 viti da ghiaccio corte.

Accesso: da Punta Helbronner (accessibile in funivia da Entrèves, AO) valicare il Col des Flambeaux e seguire il percorso d’avvicinamento alla classica parete nord della Tour Ronde. Lasciare quest’ultima a sinistra e inoltrarsi verso ovest nel Cirque Maudit fino alla base della via (vedere foto). Accesso possibile anche dall’Aiguille du Midi (Francia).

Relazione: vedere immagini pubblicate qui sopra.

Discesa: in doppia lungo la via (soste attrezzate su chiodi e cordoni).

 

Informazioni e immagini fornite da Denis Trento.

Banner c mascherine vs

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875