Ghiaccio sul Kilimangiaro

Will Gadd testimonia la progressiva scomparsa del ghiaccio equatoriale

11 September 2020
Fare ghiaccio sul Kilimangiaro? Oggi è ancora possibile, ma presto sarà solo un ricordo.

Nel 2014 Will Gadd ha scalato le spettacolari strutture di ghiaccio che si trovano sulla cima del vulcano. Questi curiosi pinnacoli si formano grazie alla combinazione di fattori quali l’altitudine e il forte irraggiamento solare tipico delle aree equatoriali.

Quest’anno, nel mese di febbraio, Gadd è tornato sul Kilimangiaro con due obiettivi: scalare una via aperta da Reinhold Messner nel 1978 e fare qualche tiro sulle torri di ghiaccio, prima che entrambe -via e torri- scompaiano del tutto.

Dal 2014 a oggi alcuni ghiacciai del Kilimangiaro hanno perso oltre il 70% della loro massa a causa del “global warming”, il riscaldamento del clima. Will Gadd testimonia questa evoluzione negativa confrontando la sua esperienza del 2014 con la situazione attuale.

Come afferma Gadd, la scomparsa dei ghiacciai «È un problema per gli alpinisti, ma è un problema decisamente più grande per il resto del mondo».

Fonte: Red Bull.

Zenit 740x195

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875