Grande chiusura della stagione drytooling per Lele Bagnoli

Una settimana da D15 e D14+ tra Bus del Quai e Tomorrow’s World

05 June 2019
Grande chiusura della stagione drytooling per Lele Bagnoli che, in una settimana, chiude "Uragano Dorato", D15 e "Invocation", D14+, rispettivamente al Bus del Quai e a Tomorrow’s World.

Lele Bagnoli racconta:

Mercoledì 22 maggio: sembra una data inusuale per l’arrampicata con le piccozze ma, dato che la pioggia incessante non permette di aprire la stagione di scalata a mani nude, decido di fare una bella sessione di drytooling al Bus del Quai. Ovviamente provo la linea più intensa, liberata a marzo dal forte climber dell’esercito Filip Babicz: "Uragano Dorato", D15 in DTS (Dry Tooling Style). Tre lunghezze per un totale di 50 metri, con singoli passi aggettanti e lunghi in puro stile DTS (no Janiro). Avendo fatto un giro flash sulla prima parte nel giorno dell’evento “Quai Pride”, organizzato dal plurispecialista di montagna Matteo Rivadossi (creatore della stessa falesia), e un giro completo nel sabato precedente, parto per un viaggio su questa stupenda via che per ora resta la più bella linea di dry da me salita. Il tempo necessario a scalarla è sembrato un’infinità. Tuttora non saprei quantificarlo, ma credo sia stato doveroso scalare questa linea senza alcuna fretta, così da assaporare a pieno tutti i passaggi duri e cercando di minimizzare gli sprechi.

Nei giorni successivi il mio fisico ha risentito degli effetti della lunga durata della prestazione e delle fatiche, peraltro pienamente ripagate dalla soddisfazione di aver alzato l’asticella del grado, dandomi la possibilità di salire vie di simile intensità e bellezza.

Appena smaltita l’adrenalina per la realizzazione, con pochi giorni di permesso dal lavoro, ecco che si riparte per le Dolomiti alla volta della falesia Tomorrow’s World di Tom Ballard. Domenica 26 giugno, in compagnia del giovane atleta della nazionale Americana IWC Liam Foster, che lo stesso giorno sale "A line above the sky" D15, e dell’amico Matteo Pilon che mi assicura, mi rimetto su "Invocation", D14+. Ero consapevole della difficoltà di questa linea, così breve linea ma alquanto intensa, che vanta solo due ripetizioni (la prima dello stesso chiodatore, il climber polacco Dariusz Sokolowski, e la seconda di Tom Ballard che ha stabilito il grado D14+). Dopo un giro di ispezione delle prese e dei movimenti, ecco che arriva la ripetizione!

Informazioni e immagini di Gabriele “Lele” Bagnoli.

Banner c mascherine vs

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875