"Senza olio di palma": nuova via sul Gallinola per Riccardo Quaranta e Fabio Madonna

Nasce "Senza olio di Palma", nuova via sul Monte Gallinola ad opera di Riccardo Quaranta e Fabio Madonna

07 December 2016

“SENZA OLIO DI PALMA”, Gallinola, Matese, Molise: nuova via di misto sulla parete Nord-Est del Monte Gallinola ad opera di Riccardo Quaranta e Fabio Madonna

Riccardo Quaranta, alpinista e sopratutto apritore, ci racconta del Gallinola e dell'apertura di "Senza olio di palma".

 

Il Gallinola
"Continua l’esplorazione in chiave invernale del versante NE del M. Gallinola, Matese, a confine tra Campania e Molise. La Gallinola è una cima dalla forma allungata caratterizzata da un ampio altopiano sommitale e da una lunga ed articolata parete N. E’ proprio su questa e sui canali che la solcano che corrono le uniche vie di arrampicata della montagna. Gli altri versanti infatti non hanno interesse alpinistico in senso stretto, ma sono splendidi terreni per il trekking e lo scialpinismo.
Gli itinerari hanno una lunghezza che non supera mai i 120 m, quindi in una giornata se ne possono salire diversi. Molti canali sono stati saliti da ignoti da anni, alcuni anche dal sottoscritto più di 15 anni fa. Tuttavia non ne esistono relazioni, foto e notizie in genere, ad esclusione delle vie presenti in “Ghiaccio D’Appennino” ed. Versante Sud e come informazioni personali tra addetti del settore. Il mio lavoro di questi anni è rivolto a censire e descrivere i tanti itinerari semplici dei canali (terreno bellissimo d’inverno, anche con poca neve) e ad aprire linee nuove sulle porzioni di aperta parete. Quindi saranno ben accetti i contributi di chi ha salito linee lì e la correzione dei nomi di fantasia che man mano sto dando alle varie linee (per evidenti necessità comunicative).
Un ottimo inquadramento generale del gruppo del Matese lo si trova nella guida precedentemente citata. Per info più dettagliate circa i recenti itinerari si può consultare il mio blog o scrivere a info@riccardoclimbing.com ."

La via
"Un po’ come per tutti gli itinerari di alpinismo invernale, le condizioni della montagna giocano un ruolo fondamentale, ma in Appennino ancora di più, ed ancora maggiormente in Matese. Tanto da determinare una variabilità molto sensibile delle difficoltà riscontrabili sul medesimo itinerario in base alle condizioni (temperatura, tipologia e quantità di innevamento). Sottolineo che come ogni versante N che si rispetti, sommato all’inclinazione dello zoccolo basale presente sotto la parte della Gallinola, si tratta di un luogo naturalmente predisposto al distacco di slavine. Quindi prestare attenzione in pieno inverno, dopo abbondanti nevicate, a dove ci si infila: una via semplice può nascondere nell’avvicinamento, insidie ben più importanti dell’itinerario stesso. Tale problema sembra non si stia delineando per questa fase iniziale dell’inverno 2016-2017; quindi bisogna adattarsi al global warming e a situazioni “magre”, come si dice in gergo. Quindi tanto dry, misto su erba, terra gelata e quant’altro, l’importante è un sano divertimento e stare in montagna. Quella descritta è nuova linea tirata fuori al volo durante un veloce giro con Fabio Madonna, dopo aver ripetuto quella che si candida ad essere una classica della parete, “Per Elisa” . “Senza olio di palma” corre a dx del “Canale di Estrema Destra” (C.E.D.), quindi ci troviamo nella parte iniziale del versante NE della Gallinola. Via facile anche questa, si dirama dall’attacco del C.E.D. dirigendosi a dx verso una crestina nella parte iniziale, che inizia con un netto pinnacolo roccioso. Dopo questo facile primo tiro (conserva) si sosta immediatamente a monte del pinnacolo. Segue un divertente secondo tiro (sostanzialmente dritto) ed un breve terzo tiro, anche questo dritto e il più tecnico della salita, fino a spuntare in cresta, con un crescendo quindi di difficoltà e divertimento."


SENZA OLIO DI PALMA”, 110m, AD, 70°, un tratto a 80° (evitabile)
Riccardo Quaranta e Fabio Madonna il 2/12/2016
Nessun materiale in posto.
Materiale: corda 60m, pecker, n.d.a; con innevamento classico possono tornare utili fittoni da neve corti.

DISCESA: faccia a monte, spostarsi verso dx seguendo il filo di cresta fino ad intercettare, in 10’, il canale di discesa del sentiero CAI che con altri 10’ riporta alla base della parete.

Foto degli apritori.
Ringrazio Climbing Technology ed il negozio Alta Quota Isernia

a.Guida Alpina Riccardo Quaranta
www.riccardoclimbing.com
FB: Vertical Horizon

740x195 climbtokyo

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875