Fabian Buhl ripete Wetterbock

Solitaria invernale sulla via di Alexander Huber

18 April 2016

Dal 17 al 19 marzo, pochi giorni prima della chiusura “ufficiale” della stagione invernale, Fabian Buhl è riuscito in un'impresa ambiziosa: l'ascensione invernale e solitaria, oltre che prima ripetizione, della recente via Wetterbock (350 m, 8c) aperta da Alexander Huber sulla Wetterbockwand, parete est dello Hoher Göll (Austria).

La durissima via si sviluppa sulla caratteristica struttura rocciosa triangolare, molto strapiombante, che si trova in alto sulla grande Wetterbockwand, la parete est del Göll, alta circa 1000 m e costituita per la maggior parte di grandi placche inclinate. La placconata, d'inverno ricoperta di neve, è anche percorsa come salita alpinistica e discesa di sci ripido. Per questo, l'impresa di Buhl non è solo una salita invernale su una via di roccia di altissima difficoltà, ma un'ascensione a tutti gli effetti completa. Citando lo stesso Buhl, l'accesso lungo la Wetterbockwand è “un interessante mix di arrampicata e scavo nella neve alta fino alle anche”, ed è “esposto alle valanghe e richiede circa 4 ore. Una parte di questo accesso è possibile in sci, ma gli ultimi 350 m di pendio sono decisamente troppo ripidi”.

 

Gruppo del Göll, Alpi Settentrionali Salisburghesi (AUSTRIA)

Hoher Göll 2522 m – parete est

WETTERBOCK

Alexander Huber, Michi Althammer, 18 settembre 2014 (prima libera)

Alexander Huber, 2013 (apertura)

350 m (10 L). 8c

 

La relazione di Wetterbock si trova sull'annuario UP 2014 (ed. Versante Sud)

Fonte UKC

Banner c

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875