It will be forever, 7b

Nuova via al Père Eternel (Monte Bianco)

22 August 2019
Filip Babicz e Paolo Bergamaschi hanno aperto It will be forever, una nuova via al Père Eternel (Monte Bianco).

Il Père Eternel è una guglia di roccia alta una quarantina di metri che si eleva lungo la cresta nord dell’Aiguille de la Brenva. È stata scalata per la prima volta da Laurent Grivel, Arturo Ottoz, Osvaldo Ottoz e Albino Pennard nel 1927 con l’uso di una pertica di legno. 15 anni dopo sul Père Eternel è stato aperto un altro itinerario lungo la cresta sud-sud-ovest con massiccio uso di arrampicata artificiale. Da allora la guglia è stata scalata numerose volte per la via normale, sempre con l’ausilio della storica pertica. Soltanto 90 anni dopo la prima salita, nel 2017, la guglia è stata scalata in libera dalla guida Arnaud Clavel e Pietro Picco che hanno chiodato e liberato la via del 1942.

Nell'estate 2017 Filip Babicz accompagnato da Paolo Bergamaschi ha ripetuto la via chiodata e liberata da Clavel-Picco (6b+); ha scalato in libera, probabilmente per la prima volta, la via della pertica (6c+) e infine ha aperto un itinerario completamente nuovo. La novità in questione, di nome It will be forever, sale nel bel mezzo della parete ovest del Père Eternel e oppone difficoltà nettamente maggiori (7b) rispetto agli itinerari aperti in precedenza. La via ofre una scalata molto estetica e varia su granito rossastro di ottima qualità, prevalentemente di placca con qualche movimento atletico e un passaggio chiave appena sotto la vetta. È lunga una trentina di metri ed è assicurata interamente con 11 spit.

 

Monte Bianco, Alpi Graie
Père Eternel 3224 m, versante ovest
It will be forever
Filip Babicz, Paolo Bergamaschi, 2017
30 m, 7b

 

Materiale: classico da roccia e per avvicinamento su ghiacciaio. Il tiro è attrezzato con 11 spit.

Accesso: a Entrèves (Courmayeur, AO) prendere la funivia Skyway e scendere alla stazione intermedia del Pavillon. Dirigersi a ovest seguendo il sentiero panoramico del Ghiacciao della Brenva. Superato un breve tratto attrezzato e una piccola falesia, abbandonare il sentiero e, per prati e morene, raggiungere il Glacier d’Entrèves. Risalirlo fino alla base della parete est dell’Aiguille de la Brenva.

Relazione: è consigliabile salire all’attacco seguendo la via Papa Giovanni Paolo II (8L, 6a, spit distanziati), che permette di raggiungere la guglia del Père Eternel evitando la prima parte del percorso storico, pericoloso per caduta sassi. Il nuovo tiro si trova sul versante ovest della guglia (vedere tracciato su foto).

Discesa: con nove doppie. La prima dalla cima della guglia, le successive otto lungo la via Papa Giovanni Paolo II.

Informazioni e immagini fornite da Filip Babicz.

Banner c

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875