Spigolo della luna, 160 m, IV e IV+

Nuova via in Val d’Assa (Prealpi Venete)

17 August 2020
Matthias Stefani ha aperto un nuovo facile e piacevole itinerario alpinistico con vista panoramica: Spigolo della luna (Val d’Assa).

La roccia a tratti ottima, le difficoltà sempre contenute e l’arrampicata eterogenea ne fanno una salita interessante che, per quanto recente, conta già numerose ripetizioni. L’ambiente è isolato, con scorci incantevoli sulle pareti del Bostel e sulla Val d’Assa da una prospettiva inconsueta.

 

Val d’Assa, Prealpi Venete (Vicenza)
Bastionata del Raparo (toponimo proposto), versante nord-ovest
Spigolo della luna
Matthias Stefani, 5 maggio 2020
160 m, IV e IV+ con un breve passo di V (A0)

 

Materiale: classico da roccia, alcuni friend medi e vari cordini (anche lunghi) per attrezzare le soste.

Accesso:

  1. dalla Val d’Astico: dalla strada provinciale SP350, direzione Trento, raggiungere l’abitato di Pedescala. Svoltare a destra alla prima strada che si incontra e proseguire fino al cimitero (parcheggio). Prendere la strada sterrata che si inoltra in Val d’Assa e seguirla per 3 km fino a quando oltrepassa il torrente (subito dopo un largo spiazzo con alcuni caminetti). Circa 50 m dopo, sulla destra, deviare sul sv. CAI n. 633 (cartello). Al successivo bivio tenere la sinistra e seguire il ripido sentiero che velocemente prende quota. Dopo una trentina di minuti, in corrispondenza dello spigolo, nei pressi di un enorme masso con bollo CAI, abbandonare il sentiero prendendo un’esile traccia sulla sinistra (ometti) che in breve conduce all’attacco, dov’è incisa una luna gialla (1h dal parcheggio).
  2. Accesso dall’altopiano dei Sette Comuni: dalla strada statale 349 del Costo raggiungere il paese di Treschè Conca e seguire le indicazioni per contrà Mosca. Lasciare l’auto in un piccolo parcheggio poco sotto l’abitato. Prendere la forestale che scende a valle e, dopo 250, deviare a destra sulla prima strada che si incontra (sv. CAI n. 633). Proseguire fino a un grande prato dopo il quale la strada diviene sentiero (cartello CAI n. 633). Percorrerlo in discesa (tratto attrezzato con corde fisse) fino a un enorme masso con bollo CAI. Da qui come per l’opzione 1 (20-30’ dal parcheggio).

Relazione: vedere schema pubblicato sopra.

Discesa: dall’ultima sosta alzarsi per una decina di metri nel bosco fino a intersecare un’evidente traccia di camosci. Seguirla verso destra (faccia a monte) fiancheggiando il ciglio della parete per pochi minuti fino a ritrovare il sentiero n. 633 che riporta al punto di partenza. (5’ fino al sentiero n. 633).

Relazione e immagini fornite da Matthias Stefani.

Banner c

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875