Ancora regole e ambiguità per gli sport invernali

Novità per lo sci da discesa ma anche per lo scialpinismo e tutte le attività in ambiente innevato

11 November 2021
Sono in arrivo ancora regole per gli sport invernali. Le novità riguardano principalmente l’attività di sci da discesa su pista, ma non solo.

Da gennaio 2022 entrerà in vigore il decreto legislativo n. 40 del 28 febbraio 2021, che aggiornerà la legge n. 363 del 24 dicembre 2003 "Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport invernali da discesa e da fondo" attualmente in vigore.

In sintesi le norme imposte dal nuovo decreto legislativo per lo sci su pista saranno:

  • casco obbligatorio per i minori di 18 anni
  • divieto di sciare in “stato di ebrezza” in seguito all’assunzione di bevande alcooliche o di sostante tossicologiche e possibili controlli con alcooltest
  • assicurazione obbligatoria (“Lo sciatore che utilizza le piste da sci alpino deve possedere una assicurazione in corso di validità che copra la propria responsabilità civile per danni o infortuni causati a terzi”).

L’articolo 26 del decreto legislativo interessa invece tutti coloro che frequentano la montagna in inverno:

I soggetti che praticano lo sci-alpinismo o lo sci fuoripista o le attività escursionistiche in particolari ambienti innevati, anche mediante le racchette da neve, laddove, per le condizioni nivometeorologiche, sussistano rischi di valanghe, devono munirsi di appositi sistemi elettronici di segnalazione e ricerca, pala e sonda da neve, per garantire un idoneo intervento di soccorso.

Purtroppo le espressioni "Particolari ambienti innevati" e  "Laddove, per le condizioni nivometeorologiche, sussistano rischi di valanghe" si prestano a infinite interpretazioni, esponendo di conseguenza gli sportivi al rischio di sanzioni arbitrarie.

Nel dubbio conviene portarsi ARTVA, pala e sonda anche quando si va a fare una corsetta su una poderale innevata o una camminata sui prati di media montagna...

Dato che l’articolo 26 cita anche la possibilità per i gestori delle aree sciabili attrezzate di “destinare degli specifici percorsi per la fase di risalita nella pratica dello scialpinismo”, è lecito chiedersi se le norme introdotte per chi scia sulle piste siano valide anche per chi vi accede dopo una salita con le pelli. Al momento questo non è espresso in modo esplicito, in particolare per quanto riguarda l’obbligo di assicurazione. Quest’ultima infatti può essere acquistata dagli sciatori insieme allo skipass, mentre per chi sale con le sue gambe sarebbe più complicato e probabilmente più costoso. In attesa di chiarimenti a partire dall’anno prossimo è meglio stare alla larga dalle piste e andare ad allenarsi altrove. Le multe sono salate: da 100 a 150 euro in assenza di assicurazione!

MR. Fonti: vedere link interni all'articolo.

S21 webbanner ctc 740x195

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875