COVID e sport outdoor – la FFCAM chiede il diritto d’accesso alla natura per tutti

La federazione francese dedicata agli sport di montagna si schiera a favore di tutti gli appassionati

19 November 2020
La FFCAM – Fédération française des cubs alpins et de montagne – e i suoi partners chiedono il diritto d’accesso alla natura per tutti, anche durante l’emergenza COVID e le restrizioni imposte per farvi fronte.

La Francia è attualmente sottoposta a un “lockdown” particolarmente repressivo. In particolare gli sportivi sono penalizzati dalla regola di “1 km/ 1 h”: ovvero un’ora d’aria al giorno in un raggio di un chilometro da casa. Dopo oltre due settimane di confinamento la FFCAM insieme a numerose altre istituzioni legate alla montagna, all’alpinismo (per esempio il Sindacato Nazionale delle Guide Alpine) e agli sport outdoor in generale ha elaborato una richiesta ufficiale al governo “per un accesso equo, libero e responsabile alla natura per tutti”.

Nel comunicato stampa pubblicato oggi dalla “Coordination montagne” si legge: «Il legame con la natura è molto più di un semplice passatempo. È un elemento essenziale dell’equilibrio dell’essere umano, tanto sul piano fisico che psichico ed emozionale. Con la pratica sportiva, esso contribuisce a migliorare anche la qualità del sistema immunitario e a preservare un buon equilibrio mentale».

E anche: «Un accesso facilitato alla natura, alla pratica sportiva e alla cultura può aiutare a ridurre le forti tensioni e alcune situazioni drammatiche generate da questa crisi, migliorando globalmente la salute dei cittadini, attenuando il disagio psicologico che affligge numerose persone».

Il basso rischio delle attività individuali outdoor e degli sport di montagna dal punto di vista del contagio, specialmente se praticati rispettando alcune precauzioni, è evidenziato da uno studio specifico sostenuto dall’UIAA, visibile sul sito ufficiale dell’associazione.

A conclusione di tale studio, i suoi autori suggeriscono che, in fase di definizione degli interventi mirati a limitare la diffusione del virus, «Il mondo politico prenda in considerazione anche il basso rischio generale legato alla pratica degli sport di montagna, come pure gli effetti deleteri sulla salute fisica e mentale di gran parte della popolazione che derivano dalla limitazione degli sport outdoor».

Solutioncomp 740x195

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875