Doppietta per Giulia Compagnoni e Gerhard Schneider all’Epic Ski Tour di Davos

I risultati della prima tappa dell’Epic Ski Tour 2019-2020

23 December 2019
Doppietta per Giulia Compagnoni e Gerhard Schneider nella prima tappa dell’Epic Ski Tour, svoltasi dal 20 al 22 dicembre a Davos, in Svizzera.

Venerdì 20 è andata in scena la gara vertical, 1000 m D+ spalmati su 4600 m da Bolgen a Jakobshorn, in notturna. Accompagnati dalle luci del tramonto grigionese, alle 16.30 i concorrenti sono partiti subito con un ritmo elevato. La cronaca della gara al maschile la conosciamo dalle parole dallo stesso vincitore, lo svizzero Gerhard Schneider: «Conoscevo i miei avversari, sapevo che avrebbero fatto un bel forcing sul primo tratto più pianeggiante, quello a loro più congeniale rispetto alle mie caratteristiche. Mi sono messo in coda e poi, dopo l’intermedio in zona Jschalp sull’attacco del muro, ho dettato il ritmo prendendo via via metro su metro». Cavalcata solitaria che si è risolta con la vittoria di Schneider dopo 54 minuti e 48” di gara, tra le luci dei riflettori posti sulla finish line del Jakobshorn, a quota 2533 m. Alle sue spalle il tedesco Christoph Wachter e l'austriaco David Kögler.

Tra le donne gara praticamente in solitaria, o meglio sulle code dei colleghi maschi, per la 23enne alpina della Valfurva Giulia Compagnoni, che conquista il primo posto femminile e il 15^ assoluto finale a 8’13” dal vincitore Schneider. Per Giulia Compagnoni (Esercito) una sorta di rivincita vista la mancata convocazione alla prima tappa di Coppa del Mondo: «Davvero una gara bellissima, non me l’aspettavo così dura. Mi sono molto divertita, c’era pure tanto pubblico sul tracciato, complimenti agli organizzatori». Seconda piazza a un minuto ed otto secondi dalla valtellinese per l’austriaca Martina Senn, mentre sul terzo gradino del podio applausi per la tedesca Alexandra Altmann.

Sabato 21 si è svolta la prova individuale, 11 km con 1600 m D+, sotto una fitta nevicata.

Dopo un’ora e 32’ ecco piombare sul traguardo il vincitore: di nuovo lo svizzero Gerhard Schneider. «Bisognava “stare all’occhio” perché la neve e la scarsa visibilità rendevano difficili soprattutto le discese» commenta l’atleta. «Sono stato assieme a Koch lungo tutta la prima salita e la successiva discesa, fino ai 2544 metri del Bräma Grat, poi ho fatto la differenza gestendo il vantaggio di quasi un minuto fino al traguardo». Secondo posto per il tedesco Finn Koch (1h33’37’’); terzo l’austriaco David Kögler in 1h36’38’’.

Doppia vittoria anche per Giulia Compagnoni, che vince la prova individuale in 1h44’53”. Dietro di lei Martina Senn (Austria) in 1h48’37’’ e Anna Tybor (Polonia) in 1h56’50’’.

La prossima tappa di Epic Ski Tour sarà a metà febbraio in Valle d’Aosta a Saint-Rhémy-en-Bosses. Info sul sito: www.epicskitour.com.

Txguide 740x195

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875