John Snorri, Muhammad Ali Sadpara e Juan Pablo Mohr dispersi sul K2 - Up-Climbing

John Snorri, Muhammad Ali Sadpara e Juan Pablo Mohr dispersi sul K2

John Snorri, Muhammad Ali Sadpara e Juan Pablo Mohr sono dispersi sul K2.

Da ieri mattina non ci sono notizie del trio, risultato della combinazione degli elementi di due cordate distinte – John Snorri e Sadpara padre e figlio, Juan Pablo Mohr e Tamara Lunger – dopo la rinuncia di Sajid Ali Sadpara (ora sceso al campo 1) e Tamara Lunger (già al campo base). Ieri Sajid Ali, sceso al campo 3 a causa di un guasto alla sua bombola d’ossigeno, aveva riportato che John Snorri, Muhammad Ali Sadpara e Juan Pablo Mohr erano ancora insieme e in buona salute presso il Collo di Bottiglia alle 10 del mattino.

Da ieri i tre alpinisti non comunicano con il campo base e i loro GPS hanno smesso di funzionare. Per questo oggi sono partite le operazioni di ricerca con un elicottero dell’esercito pakistano. Finora i primi voli non hanno dato buon esito. Inoltre il tempo sta peggiorando rapidamente. Vento e cattiva visibilità saranno ostacoli importanti alle ricerche.

Questo secondo tentativo al K2 invernale, a quasi tre settimane di distanza da quello vittorioso del 16 gennaio, è stato un disastro: un alpinista deceduto, tre dispersi e tutti gli altri di ritorno senza raggiungere l’obiettivo. Eppure le condizioni meteo sembravano favorevoli – per quanto possibile, ovviamente, durante la stagione invernale a 8000 metri. Sicuramente la quantità di alpinisti sulla via era eccessiva rispetto alle dimensioni dei campi: specialmente il campo 3 era sovraffollato e molti sono scesi dopo avervi passato una notte in cattive condizioni.

L’insuccesso del secondo tentativo di vetta sul K2 è un’ulteriore conferma del carattere eccezionale dell’impresa compiuta in gennaio dai dieci nepalesi che per primi sono riusciti a completare l’ascensione invernale.

Condividi: