NUOVA VIA AL CHO OYU - Up-Climbing

NUOVA VIA AL CHO OYU

Tracciato un percorso sul versante nepalese

Un gruppo di alpinisti nepalesi, con il francese Alasdair McKenzie, ha tracciato una nuova via sul Cho Oyu.

Venerdì 7 giugno Alasdair McKenzie, Gelje Sherpa, Chhangba Sherpa, Tenging Gyaljen Sherpa, Lakpa Temba Sherpa, Lakpa Tenji Sherpa e Ngima Ongda Sherpa hanno raggiunto la cima della sesta montagna più elevata della terra, passando per un inedito itinerario sul versante nepalese, che segue in parte la ripida cresta sud-sud-ovest.

Ormai da qualche anno Gelje Sherpa e compagni cercavano una via di salita alla vetta come alternativa al classico percorso, che si svolge in territorio cinese e che, da ormai quattro anni, è interdetta alle spedizioni commerciali.

L’obiettivo quindi non era quello di tracciare una nuova via in stile alpino, cercando eleganza e difficoltà, come fecero per esempio Denis Urubko e Boris Dedeshko nel 2009, quando affrontarono direttamente la parete sud-est guadagnandosi anche un Piolet d’Or.

Lo scopo delle squadre sherpa era quello di trovare una possibile “via normale” per condurre in vetta i loro clienti, evitando le limitazioni del versante cinese. Obiettivo raggiunto? Forse solo in parte: la via percorsa da Gelje e compagni non è “per tutti”, in quanto piuttosto lunga e difficile. In ogni modo, secondo l’agenzia organizzatrice Seven Summits Treks: «Grazie a questo successo, il Cho Oyu è ora più accessibile dal Nepal, annunciando una nuova era per l’alpinismo nepalese e ispirando future spedizioni ad affrontare i suoi impegnativi itinerari».

In copertina: foto di Nikhil Bhat su Unsplash 

Condividi: