GARMIN: fēnix 6 - Pro Solar Edition

Test della nuova versione del celebre fēnix 6 di GARMIN con tecnologia Pro Solar

03 settembre 2020
GARMIN fēnix 6 - Pro Solar Edition: una nuova versione con profili dedicati all'arrampicata, nuova connettività e la possibilità di ricarica solare.

Arrivato giusto in tempo per accompagnarmi durante le vacanze on the rocks, il fēnix 6 Pro Solar di GARMIN si è subito presentato in una bella confezione con tanto di grafica illustrativa, uno schema che ne evidenzia le caratteristiche principali: durata nelle diverse situazioni di utilizzo, dimensioni, peso e principali applicazioni supportate.

Il set up iniziale, eseguito volutamente senza consultare manuali d’uso, è stato semplice e anche l’integrazione con l’applicazione Garmin Connect non ha avuto intoppi. Tra le tante attività sportive gestite e monitorate ho selezionato tra le mie preferite (quindi disponibili con poche pressioni dei pulsanti) Camminata, Scalata, Arrampicata Indoor e Bouldering.

Per uno scalatore che ha sempre svolto questa pratica senza braccialetti o alcun orologio al polso, l’attenzione è andata subito alla sensazione che gli 85 grammi dello smartwatch, davano al mio polso, e in effetti c’è voluto qualche giorno per scordarsi di averlo indossato. In particolare la scelta del materiale e del design del cinturino lo rendono confortevole anche quando aderisce bene al polso per garantire le corrette misurazioni, senza trattenere eccessivamente il sudore.

Cassa (Acciaio rivestito Diamond-Like Carbon) e vetro (Power Gorilla Glass) sono stati una sorpresa quando infilando la mano in una fessura, non troppo ampia, oltre allo sfregamento della roccia sulle dita si è sentito chiaramente quello subìto dal fēnix 6 che, contrariamente alla mia pelle, non ha riportato alcun graffio.

Arrivato il momento di testare le applicazioni dedicate alle discipline, ho avviato il profilo SCALATA prima di iniziare le ascensioni al Gran Sasso. Dai dati altimetrici, di percorrenza e anche di consumo energetico, questo profilo è sicuramente più idoneo a tracciare ascese alpinistiche sulle normali o attraversamenti in cresta, che le scalate appesi in cordata lungo la parete. Utilissimo però quando si effettua un avvicinamento “misterioso” e si deve essere sicuri di ripercorrere gli stessi passi al ritorno: la tracciatura GPS e il supporto delle mappe rendono tutto più facile.

Il profilo CLIMB INDOOR si applica ovviamente anche alla falesia e consente di registrare i metri ascesi e discesi, il numero di salite fatte, il grado (che deve essere inserito PRIMA della prestazione) e i dati personali, che offrono la possibilità di collezionare un vero e proprio diario della giornata arrampicatoria.

Il profilo BOULDERING invece combina grado, che è possibile specificare usando diverse scale di misurazione, con il tempo di salita, lo sforzo e il recupero. Ottimo per misurare in maniera dettagliata i propri progressi su percorsi che possono essere ripetuti più e più volte e scoprire così che il terzo giro ha richiesto metà del tempo del primo e 30% di energie in meno.

Alcuni suggerimenti: per chi lo porta indossando un indumento a maniche lunghe (durante le ascese alpinistiche o in via ad esempio) attenzione che se il polsino preme sul pulsante rischiate di interrompere le misurazioni in corso, è utile utilizzare in questo caso la funzione di blocco dei pulsanti; tarate ove possibile i riferimenti altimetrici, barometrici e ricordate che anche dopo la ricarica completa occorre disattivare il risparmio energetico manualmente, altrimenti le funzioni non si ripristineranno automaticamente al completo.

Pandi

Versante sud  banneragg.

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875