Il boulder più duro della Gran Bretagna per Aidan Roberts!

A Coniston, Aidan libera l’8C/+ di Superpower

16 settembre 2020
In Inghilterra, le nuove generazioni fanno il salto!

 

Che Aidan Roberts fosse il futuro del boulder inglese (e mondiale) era già chiaro da qualche tempo…

Questo fortissimo ragazzo dalle dita d’acciaio la scorsa estate aveva impressionato gli americani del RMNP, polverizzando facilmente molte linee di riferimento e lasciando la sua firma con la first ascent di Railway, 8C.

Solo pochi giorni fa abbiamo risentito parlare di lui in occasione di un’altra first ascent da 8C, Outliers, questa volta a Trowbarrow, nella sua Inghilterra e negli stessi giorni in cui un'altra giovane stella inglese, Will Bosi, si aggiudicava l’8C di Serenata sull’Impossible Roof di Roche Abbey.

Sentir parlare di 8C boulder è ormai all’ordine del giorno…se non siamo in UK!

Si sa, gli inglesi non hanno mai scherzato e scalare forte dalle loro parti è tutta un’altra storia! Finora infatti l’8C boulder era quasi un mito nelle terre britanniche, se non addirittura un tabù, come se prima di arrivare a quel grado fosse necessario fare ancora un bel salto. Questo è il motivo per il quale di 8C ce ne sono pochissimi, per lo più molto recenti e irripetuti.  

Serenata è il primo di cui si ha notizia: liberato da Mike Adams nel 2015, è stato poi ripetuto solo da Ned Feehally, Dawid Skoczylas e Will Bosi appunto. Del 2018 è The World is Yours alla Biblin’s Cave ad opera di James Squire, che si è poi ripetuto sempre lì quest’anno liberando anche Ambition. Entrambe queste linee sono al momento irripetute. Sempre del 2020 è il sopra menzionato Outliers di Roberts, ovviamente ancora irripetuto. E stop.

Fino a ieri!

Dalla sua pagina Instagram, Aidan ha infatti annunciato la first ascent di Superpower, un suo annoso progetto a Coniston, Cumbria. A suo parere, si tratta di un boulder più duro degli 8C che ha salito in carriera e, tra il timido e il cauto, propone il grado 8C/+!

Ecco infatti cosa scrive:

“Il secondo dei miei progetti top. In termini di pura difficoltà e minimalismo, questo prende il primo posto e indubbiamente si avvicina alla mia salita più difficile fino ad oggi, allineandosi perfettamente con il mio stile. Strapiombante, body tension, movimenti ampi e piccole tacche e, per la mia esperienza, forse uno dei migliori nel suo stile che abbia mai incontrato.

Negli ultimi 4 anni o giù di lì l'ho provato a fasi alterne, non collegando mai più di un paio di movimenti e non sentendomi mai vicino a collegare l'intera sequenza. Sapevo che al momento stavo scalando bene ma, fino a quando non ho avuto una sessione in cui ho mancato l'ultimo movimento difficile, la fiducia per questa salita mi era mancata. La soddisfazione e l'incredulità quando mi sono trovato in cima a questo enorme masso non sarà una di quelle che dimenticherò in fretta.

Temendo l'argomento della difficoltà, ammetto di essere oltre le mie possibilità con questo. Non avendo mai provato gran parte del bouldering di fascia alta, è difficile capire dove si trova, anche se rispetto a quelli che ho fatto, sembra che sia una difficoltà superiore a qualsiasi 8C che ho provato. Non sono ancora così disposto a impegnarmi in questo nuovo territorio con così poca esperienza quindi, nonostante sia di natura un po' poco convincente, proporrò il fastidioso grado “slash” di 8C/+. Forse un po' più di chiarezza sorgerà una volta che avrò sviluppato un po' più di esperienza nell'arrampicata ai livelli estremi”

 

Al di là di un “+” oppure no, siamo di fronte al boulder probabilmente più duro dell’intera UK, ad opera di un giovane ragazzo, che con la sua tenenza saprà sicuramente farsi sentire ancora!

 

Fonte: Instagram

Versante sud  banneragg.

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875