Angela Eiter, parola d'ordine "mai fermarsi"!

Progetti e realizzazioni della campionessa austriaca

12 luglio 2017

Vincente in gara, fortissima in falesia, impegnata ad insegnare in una scuola di arrampicata in Austria, estremamente cortese e professionale quando non scala, Angela Eiter è l’atleta perfetta, ultra titolata fintanto che gareggiava e pronta dopo a dedicare anima e corpo a vari progetti, di arrampicata e non solo.

Classe 1986, ha iniziato ad arrampicare fin da giovane ed è stata una delle enfant prodige della scuola di Imst. Entrata nel circuito delle gare internazionali a 16 anni, è piombata sulla scena mondiale come una meteora vincendo tutto il possibile. Dal 2004 al 2006 ha portato a casa sempre il primo posto in Coppa del Mondo e tra il 2005 ed il 2012 ben quattro Campionati del Mondo ma in Italia è nota soprattutto per essere la Regina di Arco con sei Rock Master vinti.

Terminata la sua prima vita come garista, riesce a dedicarsi a qualche progetto in ambiente, che forse ama più anche delle gare. Nel 2014 sale il suo primo 9a, Hades a Götterwandl, e verso la fine dello stesso anno anche Big Hammer, stesso grado a Pinswang. L’anno seguente replica su Era Vella a Margalef ed in mezzo piazza anche almeno un 8a flash con Middle of the Ass ed un 8b con Fragile Step nel boulder, disciplina mai praticata come obiettivo se non quello di usarlo come mezzo per incrementare la forza per i suoi progetti in falesia.

Qualche acciacco dovuto ad anni di insistenti allenamenti l’hanno colpita purtroppo in questi ultimi periodi ma questo non le ha impedito di scaricare le sue infinite energie anche su altro. Soprattutto nel 2015 viaggia insieme al compagno Bernie spesso in Grecia per chiodare e liberare tiri a Leonido, nuova mecca greca per la pluricampionessa austriaca sarà una mecca dell’altissima difficoltà del futuro, e Kyparissi.

Ora, mai stanca di trovare un progetto su cui riporre tutte le sue attenzioni, si sta dedicando malgrado le condizioni climatiche non perfette ad un tiro dalle sue parti che gira attorno all’8c.

"Le temperature calde di questi giorni sono sicuramente uno scoglio per molti climbers. Al momento i progetto duri non sono il mio progetto principale ma voglio sfruttare al massimo questi giorni di bel tempo per scalare fuori sfruttando le belle falesie in ombra vicino la mia città, Imst.
In particolare mi sto concentrando sui tiri di Götterwandl, a Nassereith, dove sto lavorando Athene, una via che dopo la rottura di alcune prese è circa 8c/8c+. Nel complesso ha 20 movimenti duri e due durissimi, da prese piccole a prese piccole dove serve molta forza esplosiva ed il tutto su piedi orribili. Non si addice decisamente al mio stile e alla mia statura e per rafforzarmi in questo tipo di movimenti, mi sono anche dedicata al bouldering a Silvretta.
Qui ho salito una linea bellissima di 8a, Diamond Nuts, che mi ha richiesto molto impegno ma anche spaventato un po’. La base è scomoda e brutta in caso di caduta; per fortuna l’ho risolta in fretta."

Parola d’ordine, mai fermarsi!

TAGS:
angela eiter
Up climbing hemp banner

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875