Arco, la tappa di Coppa del Mondo va a Jain Kim e Jakob Schubert

Una finale da cardiopalma infiamma il Climbing Stadium

26 agosto 2017

Con una vittoria per certi versi inaspettata, Jakon Schubert e Jain Kim vincono la tappa di Arco di Coppa del Mondo Lead portando ancora una volta l’esperienza in cima al podio. Si è trattata di una finale al cardiopalma, con colpi di scena a profusione come da tempo non si vedevano.
Partendo dalle donne, la prima ad uscire è Ashima Shiraishi, attesissima, e contrariamente alle semifinali dove non brilla, in finale sale altissima. Anak Verhoeven e Jessica Pilz, veterane delle gare del massimo circuito cadono prima. Possibile che sia proprio l’americana a vincere? Poi esce Jain Kim, che con la solita calma ed eleganza sale con una precisione chirurgica e poi arriva dove tutte sono cadute. Con calma smagnesia e poi riparte e supera la zona critica! Solo il tempo la ferma e scaduti i minuti a disposizione deve tornare giù altrimenti probabilmente sarebbe andata a top! Ma la Kim è arrivata in alto, molto in alto. Tutte le attese sono per Janja Garnbret a questo punto. La slovena è determinata, veloce e precisa ma non a sufficienza, anzi, il tabellone mostra che non è salita così in alto come si credeva e si trova allo stesso punteggio di Ashima e della bella francese Julia Chanourdie. In mezzo la svizzera Anna Sophie Koller fa la gara della vita eguagliando la Kim ma per una questione di punteggio, l’oro è della coreana.

Gara maschile in crescendo. I due giapponesi Yoshiyuki Ogata e Keliichiro Korenaga escono per primi e convincono ma tutte le attese sono per gli ultimi tre e a ragione, peccato non si fossero fatti i conti con Jakob Schubert! L’austriaco conduce con autorità la sua gara e arriva altissimo. Max Rudiger fa una finale strepitosa e si ferma giusto un attimo sotto Schubert quindi è il turno di Adam Ondra. Quello che fa il fenomeno ceco fa scoppiare il Climbing Stadium. Su una presona dove tutti hanno lanciato, Adam ci va statico quindi riposa senza mani! Robe da Adam…sale bene, benissimo, incalzato da un pubblico che urla il suo nome ed eguaglia Rudiger. Jakob è ancora primo! E’ il momento quindi di Alex Megos che aveva stupito nelle semifinali per la padronanza e lo stile e lo fa anche in finale…ma in negativo! L’asso tedesco cade proprio alla presa dove Adam aveva fatto il suo show. Calato a terra è tra lo stupito, l’incredulo e l’incazzato, giustamente.

Ma queste sono le gare, questo è Arco e questo è lo show dell’arrampicata.

Zenit 740x195

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875