Kalymnos: il fascino irresistibile [VIDEO]

Climbing Festival 2016

09 maggio 2017

Se c’è un parco giochi che pare realizzato su misura per gli scalatori, questo è sicuramente Kalymnos. Di quest’isola greca si è già detto e scritto molto ma la sua popolarità non pare perdere lucentezza. Valorizzata dal nostro Andrea Di Bari verso la metà degli anni ’90, ha visto poi un boom senza precedenti. A quei temi l’isola era povera e popolata solo da paesani e qualche turista anticonformista che preferiva location isolate e tranquille. Fino agli anni ’60 era un’isola ricca ed attiva grazie al commercio di spugne ma poi, complice l’arrivo di quelle sintetiche, si è perso molto lavoro e molti abitanti sono andati via.

Dopo le prime chiodature dei settori Arhi, Odyssey, Poets e Grande Grotta, si sono fatti avanti anche i primi fotografi tra cui Andrea Gallo che riportò sul continente alcune delle prime fotografia d’arrampicata di quella che sarebbe diventata una vera e propria mecca.

Da allora, in un batter d’occhio, moltissimi scalatori sono venuti da tutto il mondo per scalare ma anche per chiodare benché il vero promotore e creatore di resta Aris Theodoropoulos, padre di una infinità di settori.

Immediatamente si è anche organizzato un festival, popolato da scalatori da tutti il mondo e da illustri arrampicatori che non possono che innamorarsi del posto e delle sue falesie. Non è difficile infatti imbattersi tutto l’anno nel top dell’arrampicata anche se, guida alla mano, Kaly non offre (per ora) tiri al vertice della difficoltà mondiale.

Ma per capire meglio cosa vuol dire scalare a Kalymnos, ecco il video del Climbing Festival 2016, un concentrato di roccia, mare, sole e libertà!

TAGS:
kalymnos
Banner c upclimbing 7

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875