Adam Ondra scalatore dell'anno per il pubblico di UpClimbing.com

Il fenomeno ceco sempre in testa alla classifica del più amato

04 gennaio 2017

A chiusura del sondaggio che abbiamo proposto in questi giorni, è Adam Ondra lo scalatore che ha maggiormente impressionato per le sue imprese nel 2016.

C’era da aspettarselo ovviamente, l’impresa sulla Dawn Wall, giusto per citare l’ultima sua magia, non ha fatto altro che aggiungere fama alla fama per questo incredibile atleta che non si capisce ancora cosa riuscirà a fare e verso dove porterà il limite. Un sondaggio comunque, e ci teniamo a ribadirlo a gran voce, che non vuole sminuire nè esaltare oltre misura alcun o scalatore, anzi, è stato forse uno degli anni più entusiasmanti per l’arrampicata e a tutti gli arrampicatori, presenti e non nel nostro sondaggio, va solo un enorme ringraziamento per le incredibili emozioni che ci hanno fatto vivere.

Il 2016 di Adam ha spaziato davvero in tutti i campi, dal boulder alla falesia alla big wall alle gare. L’anno si apre proprio con una ripetizione boulder pazzesca, la salita flash di Jade, 8b+, simbolo del Rocky Mountain National Park. Dai sassi alla falesia il passo è breve e Ondra mastica ormai 9b con scioltezza. Riesce nella prima ripetizione di Stoking the Fire a Santa Linya, Vicious Circle a Misja Pec ed in Slovacchia libera Robin Ud, tutti di questo grado che solo pochi anni fa era una chimera. Falesia vuol dire anche Norvegia però e difatti l’amore per Flatanger non si è mai placato. Presto tornerà anche sui suoi progetti Project Big e Project Hard, possibili 9c, sui quali a metà anno aveva messo mano e che stava lavorando ma per il quale ammette, servirò tempo.

La salita invece di un “semplice” 9a a maggio in quel di Arco, Under Vibes, ha rappresentato per lui il 120° tiro di 9a o superiore. Numeri paradossali, assurdi, fuori da ogni limite. Il legame tra Adam ed il Trentino è inoltre consolidato e di vecchia data. Oltre ad essere stato nominato nuovo testimonial del Garda Trentino, Adam stravince ad Agosto al Rock Master di Arco portandosi a casa sia il Duello che il KO Boulder.

Come già ricordato, l’ultima impresa in ordine cronologico del mostro ceco è stata la salita della Dawn Wall che in soli 8 giorni ha fatto la prima ripetizione della via di Tommy Caldwell e Kevin Jorgeson, ammutoliti davanti al tempo impiegato da Ondra rispetto a quello della loro salita.

Questi sono ovviamente solo gli highlight di questo campione. Molto altro ha fatto e farà ancora per tanti anni ma non è solo questo. Adam resta una persona semplice, riservata e gentile che non è mai minimamente stato fiorato dal montarsi la testa per la fama e dalla notorietà e questo non è caratteristica comune del mondo dell’arrampicata dove talvolta un grado in più rispetto alla “massa” o qualche anno in più di pratica, fanno porre su un immaginario piedistallo. Adam resta un campione sulle pareti e con i piedi a terra e questo fa davvero la differenza. Oltre a tutti il resto ovviamente.

TAGS:
adam ondra
Up climbing quiz banner 2

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875