Traversata della Meije: sarà ancora fattibile?

Situazione e prospettive dopo la frana

09 ottobre 2018
La Traversata della Meije, una delle vie di cresta più celebri delle Alpi, sarà ancora fattibile in futuro?

La prima parte dell’itinerario, ovvero la via normale al Grand Pic de la Meije con partenza dal Refuge du Promontoire, è chiusa dal 7 agosto 2018. In questa data infatti un’impressionante frana si è prodotta a partire dalle rocce che dominano il Glacier Carré, spazzando il ghiacciaio stesso e la parete sottostante. Una cordata (la guida Titou Aumenier con il suo cliente), travolta dall’enorme valanga di roccia e ghiaccio, è miracolosamente sopravvissuta all’incidente, riportando danni tutto sommato non gravi. Secondo Aumenier “eravamo nel posto sbagliato al momento sbagliato. Dieci minuti prima sei al riparo, dieci minuti dopo sei al riparo… Considerando come è andata l’estate e gli ulteriori eventi di frana che si sono verificati, come al Trident du Tacul o all’Arête des Cosmiques, si può facilmente immaginare che sarà sempre più probabile trovarsi in questa situazione”.

Dopo l’evento del 7 agosto l’area di frana è rimasta instabile. Come si può vedere nella foto pubblicata sopra, presa durante un volo di ricognizione e di studio, il crollo ha messo a nudo una vasta porzione di detriti instabili solo parzialmente inglobati nel ghiaccio. Le alte temperature facilitano la mobilitazione di questi detriti, che rotolano a valle impattando potenzialmente il Glacier Carré e la parete sottostante.

Secondo gli esperti, anche in questo caso l’origine del crollo si trova nella forte degradazione del permafrost. Il caldo estivo, intenso e prolungato, ha agito intensamente sulle rocce soprastanti il ghiacciaio e ha destabilizzato il delicato equilibrio che permetteva al tutto di “stare in piedi”.

I vari enti e i soggetti interessati dall’evento anche dal punto di vista economico (società delle guide, club alpino francese, PGHM, rifugisti…) si sono riuniti per studiare le prospettive future della Traversata della Meije. Rinunciare a questa via storica, impegnativa, stupenda è impensabile, soprattutto per gli appassionati. Il ritorno della neve e delle temperature negative avrà un effetto stabilizzante su quest’area: di conseguenza, gli esperti suggeriscono che l’itinerario potrebbe essere di nuovo fattibile a inizio stagione, con temperature adeguate e buona copertura nevosa sul ghiacciaio.

Per concludere: per fare la Traversata della Meije non basta più avere tempo stabile, roccia asciutta anche sulle sezioni più elevate della cresta, buone condizioni sul ripido passaggio del cavo in parete nord. Occorre anche informarsi con attenzione sulla situazione e percorribilità del Glacier Carré e della sottostante Muraille Castelnau. Occorre sapersi adattare alle conseguenze del cambiamento climatico, che si sta rivelando disastroso per le nostre Alpi.

Fonte: alpinemag.fr

 

Banner mammut up climbing 740x195

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875