Condizioni sul Monte Bianco 17 giugno

Bollettino tratto da La Chamoniarde

17 giugno 2019
Di seguito il bollettino delle condizioni delle vie alpinistiche nel massiccio del Monte Bianco tratto dal sito La Chamoniarde.

Inizio della stagione alpinistica con ancora tanta neve. Lo scialpinismo è ancora attuale. In generale ci sono buone condizioni sulle vie di misto classico, anche se il buon rigelo è sempre necessario.

Bacino del Tour. Accesso al Ref. Albert 1er ancora parzialmente innevato (attenzione). Ottime condizioni sulla normale all’Aiguille du Tour, buone all’Arête de la Table. Si affonda ancora un po’ nel Couloir de la Table. Ok Tête Blanche e Petite Fourche. Oggi alcune cordate alla traversata delle Aiguilles Dorées e all’Aiguille Purtscheller (no info). Non ancora tracciato lo Chardonnet, anche se appare meglio innevato che in precedenza.

Bacino d’Argentière. Aperto il Ref. d’Argentière. Accessi tracciati sia in sci che a piedi. È possibile accorciare l’accesso utilizzando la funivia di Plan Joran. Si scia al Col du Tour Noir. Cordate al Couturier (un po’ di ghiaccio, passaggio della terminale a destra). Le pareti nord di Droites e Courtes restano invece molto secche. Migliorata la NE delle Courtes che appare ben innevata e forse fattibile (a piedi), terminale permettendo. Sono frequentati l’Y, l’Arête de Flèche Rousse e il Glacier du Milieu (a piedi) all’Aiguille d’Argentière.

Bacino della Charpua. Il rifugio è aperto: +33667250866. L’accesso è ancora piuttosto innevato. Il Couloir en Y alla Verte è ancora fattibile, ma probabilmente per poco con queste temperature. Le Flammes de Pierre sono asciutte.

Bacino di Talèfre. Buone condizioni generali sulle classiche: Couloir Whymper, Col Armand Charlet, via normale delle Droites. Le normali alle Courtes e alla Pointe Isabella non sono ancora tracciate ma apparentemente ok. La traversata delle Courtes dovrebbe anch’essa essere fattibile, mentre sono da segnalare alcuni nevai ancora persistenti sulla normale dell’Aiguille du Moine.

Leschaux. Buone condizioni sul Couloir SO dell’Aiguille de l’Éboulement e alle Périades. Asciutte le vie d’arrampicata che si trovano nei pressi del rifugio.

Envers des Aiguilles. Il rifugio aprirà il 25 giugno.

Rifugio del Requin. Accesso sci ai piedi dall’Aiguille du Midi. La risalita della Vallée Blanche è tracciata in sci. Si può scalare all’Aiguille de Pierre-Alain e sull'Arête du Chapeau à Corne (Dent du Requin).

Settore dell’Aiguille du Midi. Condizioni in degrado sulla Cresta dei Cosmiques che, dopo la frana dell’anno scorso, si è trasformata in una via più consigliabile in invernale. Una variante è raccomandata (topo qui). Condizioni corrette al Triangle du Tacul, ma è necessario partire presto. La normale al Tacul è tracciata a piedi e in sci. Buona la traversata delle Lachenal, Midi-Plan tracciata fino al Rognon con discesa sul Requin. Si scala sui versanti sud anche se resta un po’ di neve sulle cenge. Sul versante nord, alcune cordate all’Eugster Diagonal e alla Mallory.

Rifugio dei Grands Mulets. 20-30’ a piedi sono necessari lungo l’accesso a partire dal Plan de l’Aiguille. Per il resto si scia. La Jonction passa ancora abbastanza bene. Il vento forte ha portato via un po’ di neve dall’Arête N du Dôme du Goûter, facendo emergere ca. 15 m di ghiaccio (portare buoni ramponi ed eventualmente una seconda piccozza). La parete nord del Monte Bianco e il Corridor sono stati scesi in sci.

Monte Bianco, via normale francese. Il Tramway du Mont Blanc non raggiunge ancora il Nid d’Aigle. Il Ref. du Nid d’Aigle aprirà il 19 giugno. Più in alto c’è ancora molta neve e si sale bene lungo la destra orografica del Glacier de Bionnassay.

Settori meridionali del massiccio. L’accesso al Ref. Plan Glacier non è ancora fattibile a partire dal Col de Tricot, occorre passare dagli Chalets de Miage. L’accesso al Durier non è tracciato. Frequentati la cresta Mettrier e la traversata dei Dômes de Miage. Un paio di cordate si sono dirette all’Aiguille dei Bionnassay partendo da questi ultimi itinerari (no info). L’accesso al Ref. des Conscrits si fa per l’itinerario invernale lungo il ghiacciaio. Oltre alla traversata dei Dômes, sono in condizioni il Mont Tondu e la Bérangère.

Monte Bianco, via normale italiana. Buone condizioni sul ghiacciaio e sulla cresta del Piton des Italiens.

Settore del Rifugio Monzino. Rifugio aperto, per ora percorsa solo la Ottoz alla Croux.

Settore Helbronner. Tour Ronde (Parete N, Couloir Gervasutti, Col Freshfield), Aiguilles d'Entrèves, Aiguille de Toule, Dente del Gigante (un po’ di vetrato oggi) frequentati quotidianamente. Tanta neve sulla Cresta di Rochefort: una cordata ha rinunciato. Ancora un po’ bagnati i Satelliti del Tacul.

Val Ferret. Il Rifugio Dalmazzi aprirà il 22 giugno. Per il momento c’è ancora tanta neve. Ottimo sci al Mont Dolent, sci ai piedi verso 2100 m. La sezione alpinistica a monte del deposito sci è piuttosto tecnica al momento e si sta comodi con una seconda piccozza, specie durante la discesa.

Il bollettino completo e in lingua originale si trova sul sito de La Chamoniarde.

740x195 climbingpro

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875