Addio a Jeff Lowe, straordinario sognatore

Ci ha lasciato a soli 67 anni uno tra i più grandi innovatori della storia dell'alpinismo

26 agosto 2018
Il 25 agosto è morto Jeff Lowe, uno tra i più apprezzati, visionari ed innovatori alpinisti di tutti i tempi.


A soli 67 anni, è morto Jeff Lowe, alpinista americano originario di Ogden, nello Utah. Da tempo malato e costretto alla sedia a rotelle, Jeff soffriva di una malattia neurogenerativa che alla fine a prevalso. Al padre si deve la sua passione per la montagna e per l’arrampicata, che ha vissuto come uno dei precursori. Una delle prima salite di rilievo è nel 1971 quando con Mike Weis apre Moonlight Buttress nello Zion National Park, oggi una classica.

Grande sperimentatore anche nell’arrampicata su ghiaccio, pochi anni dopo sempre con Weis sale Bridal Veil a Telluride, in Colorando, alzando la difficoltà nell’ice climbing.

La passione per le montagne lo porta anche in Himalaya ed in Karakorum. Nel 1978 con George Lowe, Jim Donini e Michael Kennedy tenta un’impresa che è stata risolta solo di recente, il Latok 1, spedizione che li vedrà arrendersi a soli 150 metri dalla vetta.

Nel 1991, quando nel frattempo ha iniziato una difficile relazione con Catherine Destivelle, un altro asso dell’alpinismo, apre da solo una via pazzesca sula nord dell’Eiger, Metanoia. E’ diritta in modo assurdo e porta Lowe a stare da solo per più di una settimana in parete.

Nel 1994 sale la via Octopussy in parte di ghiaccio ed in parte su roccia, aprendo così la strada a quello che diventerà il dry tooling. Jeff Lowe provava, sperimentava e sbagliava ma non seguiva la strada di altri, tracciava la sua. Come per pochi altri grandi ha incrociato in modo sapiente passione e doveri fondando la Lowe Alpine, azienda di riferimento nel settore ed era autore di manuali di nuove tecniche di progressione.

Nel 2017 gli viene consegnato il Piolet d’Or alla carriera, un traguardo raggiunto da altri mostri sacri come Walter Bonatti, Reinhold Messner, Kurt Diemberger, Chris Bonington. Precursore dello “stile alpino”, a lui si devono oltre 1000 vie nuove in giro per il mondo. Dalla fine degli anni ’90 però, un disturbo cerebrale lo costringe prima a camminare con le stampelle e poi alla sedia a rotelle.

“Mio padre Jeff” scrive la figlia Sonja “si è portato, per dirlo con le sue parole, da questo piano materiale a quello superiore. Gli ultimi giorni sono stati un bellissimo insieme di momenti felici, lacrime, tristezza e nuovi incontri. Siamo stati fuori per tutto il tempo, dove mio padre ha sempre voluto stare, e abbiamo creato il nostro “campo base”, come le meravigliose infermiere del Lemay Ave Health & Riabilitazione Center lo chiamavano. Abbiamo fatto una festa di 3 giorni con lui come ospite d’onore e che ci ha portato a stare tutti insieme. Tutti noi sentivamo che questo era esattamente quello che Jeff avrebbe voluto.

Un’altra cosa importante che mio papà voleva era un ricordo per Valentina, sua nipote, che come il resto del mondo voleva sapere della sua esperienza su Metanoia e voleva farlo non per lucro ma come testimonianza.

L’altra cosa che mio papà, Jeff, voleva, era di lasciare un’eredità per la sua nipotina, Valentina, così come per il resto del mondo, condividendo la sua esperienza su Metanoia non per un profitto, ma per uno scopo: per illuminare gli altri su quanto ha vissuto. Per onorare la sua vita, i suoi risultati e i contributi sia per il mondo dell’arrampicata sia per l’universo in generale, per i quali la sua amata nipotina lo ricorda sempre con tanto orgoglio come fa anche oggi. Divulgare questa esperienza è un modo per ricordarlo come uomo e come alpinista, per i suoi immensi contributi sia come persona che come scalatore."

Alcune importanti salite di Jeff Lowe:
1958 Grand Teton, Wyoming salita col padre
1971 Moonlight Buttress, Zion National Park, Utah, USA prima salita Mike Weis
1972 prima invernale della ovest del Grand Teton'scon Greg Lowe
1973 North Face, Wetterhorn Peak, San Juan Mountains, Colorado. Prima salita con Paul Hogan
1973 Northeast Corner, Keeler Needle, Sierra Nevada, California USA prima salita con John Weiland
1974 Bridal Veil Falls, Telluride, Colorado, prima salita Mike Weis
1974 Green River Lake Dihedral, Squaretop, Wind River Range, Wyoming prima salita con with Greg Lowe
1975 Mount Kitchener's Grand Central Couloir con Mike Weis
1979 Ama Dablam, Nepal, solo
1980 Skyang Kangri - tentativo
1982 Kwangde Ri's north face, Nepal, con David Breashears
1985 Bird Brain Boulevard, Ouray, Colorado
1990 Trango (Nameless) Tower, Yugoslav Route con Catherine Destivelle
1991 Metanoia
1994 Octopussy, Vail, Colorado

news repubblica.it/gazzetta, lowealpine

TAGS:
jeff lowe
Banner mammut up climbing 740x195

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875