Addio a Claudio Ghezzi

Il “re della Grigna” perde la vita sulla ferrata del Sasso dei Carbonari

13 giugno 2022
Claudio Ghezzi ha perso la vita ieri, domenica 12 giugno sulla ferrata del Sasso dei Carbonari.

Claudio Ghezzi, 69 anni di Missaglia, era conosciuto come il “Re della Grigna”. Il titolo si deve al suo incredibile record: oltre cinquemila ascensioni al Grignone, la sua montagna preferita. Salite quotidiane che gli hanno permesso di conservare un fisico atletico malgrado l’avanzare degli anni.

Anche ieri Claudio è arrivato in cima ed è passato dal Rifugio Brioschi, dove era a tutti gli effetti “di casa”, avvisando che sarebbe sceso di nuovo per andare incontro a un gruppo di escursionisti provenienti dal Rifugio Bietti. Il “Re” temeva che i suoi amici fossero in difficoltà, dato che avevano con sé i figli piccoli.

Purtroppo, presso un tratto particolarmente esposto della ferrata del Sasso dei Carbonari, Ghezzi è precipitato. I soccorritori non hanno potuto fare altro che constatare il decesso e recuperare i suoi amici, fortunatamente illesi.

Claudio Ghezzi non era solo il “Re della Grigna” ma anche un alpinista esperto che ha realizzato numerose ascensioni e spedizioni in tutto il mondo: Sud America, Pakistan, Nepal, Kirghizstan, Kazakistan, Uzbekistan... Al suo attivo tra le altre la salita dell’Illimani, dell’Aconcagua, del Pik Lenin.

Il “Re della Grigna” era molto conosciuto e amato nell’ambiente escursionistico e alpinistico locale, tanto che nelle ultime ore è nata una proposta interessante: affiancare il suo nome a quello del rifugio del Cai di Milano che si trova in vetta, l’attuale Rifugio Brioschi, che potrebbe essere ribattezzato Brioschi-Ghezzi.

 

Immagine tratta dalla pagina facebook di Claudio Ghezzi. Per i diritti fotografici si prega di scrivere a [email protected]
Upclimbing 740x195px giugno2022 tuner

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875