Angelika Rainer, ice princess e non solo!

Una chiaccherata con la campionessa di ghiaccio

27 giugno 2017
Queste calde giornate estive ci hanno fatto domandare cosa stesse facendo la fortissima Angelika Rainer, regina del ghiaccio, ma come ci racconterà lei..non solo!
Ma lasciamo che vi sveli lei il resto, in questa intervista rilasciata gentilmente alla redazione.

 

Alcuni professionisti praticano la loro attività 360 giorni l’anno. Tu invece, come vivi il fatto di essere specializzata in una disciplina che non dipende solo da quanto “stringi” ma che è condizionata in gran parte dal clima?
In realtá non mi considero specializzata nell'arrampicata su ghiaccio, ma una scalatrice a 360 gradi. è vero che negli ultimi anni, mi sono posta come obiettivo principali la partecipazione alla Coppa del Mondo di Iceclimbing e avevo progetti e viaggi piú grandi in inverno, rispetto all’estate, ma amo anche l'arrampicata su roccia e tutti gli anni ho anche dei progetti estivi. Mi piace proprio questo alternare tra le stagioni e tra le discipline di arrampicata, così la motivazione rimane sempre alta e non mi annoio mai! In autunno faccio molto DryTooling per preparami alla stagione di ghiaccio, in inverno ci sono le gare di ghiaccio su strutture artificiali e provo vie di ghiaccio e di misto in natura. Poi in primavera incomincio con allenamenti di boulder e di corda in palestra per essere in forma per i miei progetti di arrampicata sportiva ed in estate con il grande caldo arriva il periodo per le vie lunghe. Devo ammettere che negli ultimi anni ho trascurato un po queste ultime, perchè dopo mesi di viaggi, allenamenti e progetti arrivo a Ferragosto e incomincio a sentire la stanchezza e quindi faccio 2-3 settimane di pausa, quella che, chi gareggia nell'arrampicata sportiva, la fá a Natale

Durante i periodi non prettamente invernali metti le picche in cantina e ti dedichi alla magnesite, o continui a scalare sui soffitti total dry?
Come in tutti gli sport, prima degli allenamenti specifici arriva la preparazione fisica. Io negli ultimi anni incominciavo tra metà agosto ed inizio settembre con esercizi preparativi per le piccozze. Questi per esempio sono alcuni esercizi con i pesi, trazioni, esercizi di adominali e dall'anno scorso ho aggiunto anche esercizi di tensione del corpo. Dopo qualche settimana incomincio anche con il Drytooling in saletta boulder sulle prese apposite e poi da ottobre vado a fare Drytooling su roccia nelle falesie dedicate. La mia stagione di piccozze, tra progetti di Drytooling, di misto, cascate di ghiaccio e gare di ghiaccio di solito dura fino a marzo, poi metto le piccozze in cantina ma cerco di fare una scalatina di drytooling ogni tanto come richiamo di tecnica, la stessa cosa che faccio anche con l'arrampicata "con la magnesite" in inverno. Devo dire che non mi piace provare vie di Drytooling in estate, secondo me ogni stagione ha il suo fascino a cui dedicarsi. Quando si tratta di vie di DryTooling o di misto in posti molto freddi, dove la temperatura bassa può essere un fattore limitante, lo considero un vantaggio se provi una via già in estate e quindi fai tutto il lavoro di provare i movimenti difficili e poi a concatenarli con temperature favorevoli. Così in inverno basta aspettare il ghiaccio e chiudere la via. Per me stessa, trovo sia giusto che una via "invernale" venga provata in condizioni invernali, ma ovviamente ogniuno è libero di fare quello che vuole.

Nel corso dell’anno ti prendi mai dello spazio per te stessa e stacchi la spina dal mondo delle gare e della scalata?
Come accennato prima, faccio una pausa dall'arrampicata tra luglio e agosto. Questo per prevenire infortuni e far riposare il fisico, ma anche per staccare la testa dall'arrampicata, dai miei progetti che mi consumano anche mentalmente. In queste settimane trovo piú tempo per andare in bici, mi piace sia la bici da corsa che la mountainbike, e vado anche a correre; mi piace tanto sdraiarmi in piscina, al mare o ad uno dei nostri bei laghi altoatesini e abbronzarmi un po'.

Al momento hai qualche progetto al quale ti stai preparando? Puoi svelarci qualcosa?
Quest'estate mi sono trovata un progetto di arrampicata sportiva, è una via che si trova ad Arco. Non mi piace parlare di vie e nomi prima di aver concluso un progetto ma posso dirvi che sto lavorando per alzare il mio grado nell'arrampicata sportiva e quindi per me personalmente si tratta di un progetto importante.

E adesso, parlando di cose serie, una domanda che tutti vorremmo farti, quante monobraccio fai? Sinceramente parlando, non lo só. Non ho mai provato a farle. Faccio esercizi di trazioni, anche con pesi aggiuntivi ma in generale sto molto attenta durante questi esercizi perchè qualche anno fá ho avuto un'infiammazione al gomito, proprio causata da questo tipo di esercizi e quindi cerco di farli in modo mirato ed il meno possibile. Ma ormai questa domanda delle monobraccia me l'hanno fatta in talmente tanti che mi sono incuriosita io stessa, appena ricomincio con i miei allenamente specifici ci proverò e vi prometto che poi vi lo racconterò se riesco a farne o meno :)

740x195 climbingym

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875