Blocco tecnico

La febbre da social e i nuovi pericoli in alpinismo

28 gennaio 2022
Recentemente si assiste a una sempre più ampia diffusione di un nuovo pericolo in alpinismo: il blocco tecnico.

Il “blocco tecnico” si verifica quando una cordata (o un singolo alpinista) è incapace di proseguire sulla via che ha scelto di affrontare e non è nemmeno in grado di ritirarsi in modo autonomo, per cui non può fare altro che ricorrere al soccorso alpino.

A prima vista questa definizione appare umoristica e fa subito pensare a disavventure fantozziane in montagna. Ma c’è poco da ridere: il blocco tecnico è un evento tutt’altro che raro e che testimonia come gli alpinisti siano sempre meno consapevoli delle proprie capacità e dei propri limiti, vittime di una sorta di “febbre da social” che li rende incapaci di valutare le condizioni proprie e della montagna.

Se una via è definita “in ottime condizioni” da un professionista sui social, tutti si lanciano come inconsapevoli dell’abisso tecnico e atletico che esiste tra di loro e un alpinista d’élite!

Occorre anche ricordare che spesso le condizioni delle vie vengono giudicate senza un criterio oggettivo, che dovrebbe essere via in buone condizioni=via come descritta nelle relazioni. Per molti “buone condizioni” significa soltanto “sono passato e mi sono divertito” (criterio soggettivo).

La Chamoniarde raccomanda:

Prendete un po’ di margine di sicurezza sul vostro livello tecnico e sugli orari. Ricordiamo che il grado di difficoltà di una via si riferisce a condizioni ottimali. Attenzione anche al sovraffollamento e all'affidabilità delle informazioni (sono davvero rappresentative delle condizioni reali?) che possono essere alcuni degli "effetti indesiderati" dei social network!

Il PGHM (soccorso alpino) di Chamonix, chiamato spesso a intervenire da alpinisti “bloccati” durante questo lungo periodo anticiclonico, ha dedicato un lungo post (pubblicato qui sopra) alla questione del blocco tecnico. Citiamo soltanto la sua conclusione, che riassume perfettamente l’essenziale del problema.

Concludiamo con un pizzico di umorismo: non è perché Charles Dubouloz ha appena realizzato un exploit alle Grandes Jorasses (e tutto il PGHM gli fa i complimenti!!!) che queste diventano una via facile e accessibile!

 

MR. Fonti: La Chamoniarde, PGHM Chamonix Mont-Blanc.

Banner c

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875