Cordata italo svizzera punta al Manaslu e all’inviolato Pangpoche

Marco Camandona, François Cazzanelli, Emrik Favre, Francesco Ratti e Andreas Steindl in partenza per il Nepal

02 settembre 2019
Marco Camandona, François Cazzanelli, Emrik Favre, Francesco Ratti e Andreas Steindl sono partiti oggi per il Nepal. La cordata italo svizzera punta al Manaslu e all’inviolato Pangpoche.

I cinque alpinisti e guide alpine, legati da amicizia e stima reciproca, affronteranno due vette himalayane estremamente complesse e con caratteristiche tecniche notevolmente differenti: il Manaslu (ottava montagna più alta del mondo con i suoi 8163 m) e il Pangpoche (6620 m), ad oggi ancora inviolato.

L’efficacia della squadra sarà fondamentale: bisognerà collaborare al meglio e ognuno dovrà fare e dare il massimo. Oltre ad una grande preparazione serviranno solide doti tecniche, flessibilità mentale e un briciolo di sana follia.

Importante valore aggiunto per la squadra è dato dalla presenza di Marco Camandona, alpinista di grande esperienza con all’attivo 8 Ottomila senza ossigeno supplementare e 5 delle “Seven Summits”. Camandona ritorna sul Manaslu dopo il tentativo di vetta del 1996, quando, a soli 25 anni, arrivò a quota 7800 m.

Il primo obiettivo della spedizione è la prima ascensione del Pangpoche, da realizzare in stile alpino. Il secondo obiettivo, in ordine di tempo, è il Manaslu, che la cordata vuole affrontare per due vie: la Hajzer Kukuczka del 1986, sul versante nord-est, attualmente non ripetuta; la via classica in velocità, puntando a battere il record attuale stabilito il 25 settembre 2014 da Andrzej Leszek Bargiel (a/r CB-vetta in 21 ore e 14 minuti).

Txguide 740x195

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875