Frozen, 400 m, TD

Nuova via sul Pizzo Recastello, Orobie

04 dicembre 2018
Domenica 2 dicembre è stata tracciata una nuova via sul Pizzo Recastello: Frozen, 400 m, TD.

Frozen si sviluppa tra canalini e risalti ghiacciati attraverso la rocciosa e poco frequentata parete che si eleva a sinistra del ben noto canale nord del Recastello. Le condizioni riscontrate in apertura erano inusuali, con grande abbondanza di neve e ghiaccio a incrostare le rocce. Questo ha agevolato la progressione ma ha reso difficile la protezione.

Racconta Valentino Cividini: "Una via delle favole che diviene realtà su un castello ghiacciato con un'alba stupenda ed una scalata mozzafiato nella bufera. Le placche rocciose della parete nord del Pizzo Recastello completamente incrostate di ghiaccio e neve ci fanno vivere un'arrampicata in Piolet entusiasmante seppur con protezioni aleatorie. Dal rifugio Curò alla base della via una stupenda alba dai colori incandescenti ci accompagna poi durante la scalata il continuo nevicare non ci priva di qualche doccia farinosa. Non c'era miglior modo per ricominciare a piantare le piccozze nel ghiaccio su questa montagna attraverso la sua parete nord. Un nome pittoresco per questa nuova linea che se colta al momento giusto può regalare forti emozioni come lo è stato per noi".

 

Alpi e Prealpi Bergamasche (Lombardia)
Pizzo Recastello 2886 m, parete nord
Frozen
Valentino Cividini, Marco Milani, Paolo Zenoni, 2 dicembre 2018
400 m, TD (85°)

 

Materiale: classico da ghiaccio, qualche friend, viti, chiodi da roccia. La via non è attrezzata.

Accesso: da Valbondione (Val Seriana, BG) salire al Rifugio Curò e proseguire in direzione dell’attacco del classico canale nord del Recastello. Puntare alla bastionata rocciosa che si eleva a sinistra del canale.

Relazione: salire al conoide di scarico della Goulotte Matita e prendere il primo canalino che si apre a sinistra. Risalirlo su pendenze costanti di 70-75°, un passo a 80°. Raggiunto un risalto verticale, piegare a destra e seguire un canalino nascosto dietro la roccia. Rientrare quindi nel canale principale e seguirlo. Fare sosta sotto una parete rocciosa (120 m, due lunghezze). Traversare a destra su pendenze prima moderate, poi più sostenute con un tratto delicato ed esposto, fino a fare ingresso in un canaletto che conduce a un pendio nevoso (70-85°, 60 m). Proseguire lungo il pendio fino a un bel salto ghiacciato e sostare prima del secondo risalto di ghiaccio (80-85°, 60 m). Superare il salto ghiacciato e, quando le pendenze diminuiscono, sostare su viti o sulle rocce affioranti (80-75°, 40 m). Proseguire lungo l’evidente canale per due ulteriori tiri di corda (65-70°, poi 50-60° su terreno progressivamente più ampio) fino alla croce di vetta.

Discesa: per il canale nord.

Informazioni e immagini fornite dagli apritori.

Per informazioni su accessi, discese e vie nelle vicinanze: vedere la guida Ghiaccio delle Orobie, ed. Versante Sud.

Banner mammut up climbing 740x195

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875