Madre Tierra, 730 m, M6+, AI5

Nuova via alla Rocchetta Alta di Bosconero

04 febbraio 2020
Tra il 21 e il 30 gennaio 2020 Santi Padrós, Diego Toigo, Giovanni Andriano e Ruggero Arena hanno aperto Madre Tierra, una nuova via sulla Rocchetta alta di Bosconero.

Madre Tierra segue parzialmente la Via dei Canali-Camini (Valentino e Giovanni Angelini, Diego Tomassi, 1926). Non ci sono notizie di salite precedenti in condizioni miste.

Di seguito il racconto di Santi Padrós.

Il 21 gennaio assieme a Diego Toigo, Giovanni Andriano e Ruggero Arena ci siamo infilati su per il canale per tentare la salita, subito abbiamo visto che le cose si complicavano e che serviva una strategia diversa. Dopo 4 lunghezze molto impegnative a livello psicologico, con lunghi run-out, un paio di voli e molte emozioni ci siamo ritirati.
Il bel tempo prosegue e la voglia di riprovarci è troppo forte così, esattamente una settimana dopo, la mattina del 30 gennaio ci ritroviamo con Diego alle 6 al parcheggio carichi di energie per quella che sapevamo sarebbe stata una lunga giornata.
In un’ora e mezza ripercorriamo l’avvicinamento con una splendida alba sulla est del Civetta. Se il buon giorno si vede dal mattino, i presupposti sono ottimi!
Verso le 8 iniziamo di nuovo i tiri già percorsi. Stavolta siamo più veloci del primo tentativo, grazie ai chiodi lasciato nelle sezioni più difficili, ma i primi cinque tiri rimangono quelli più impegnativi con difficolta fino a M6+ e AI5. L’arrampicata è mentalmente impegnativa per la difficoltà di protezione e per alcune sezioni verticali senza ghiaccio, con neve inconsistente, dove le picche saltano via e dove facciamo anche qualche volo imprevisto.
Dopo il quinto tiro la via traversa a sinistra, le difficoltà diminuiscono e si entra in un sistema di goulottes bellissime che portano fino alla forcella che segna la fine dell'itinerario. Bisogna dire però che la seconda sezione, pur essendo nettamente più facile dalla prima, nasconde alcuni passaggi in camino per niente banali!
Verso le 17 sbuchiamo finalmente sulla forcella con la meravigliosa luce del tramonto che infuoca tutte le montagne circostanti. Siamo molto felici di aver tracciato questa linea dal carattere alpino/patagonico nel cuore delle Dolomiti.
Il 2 febbraio Mirko Grasso e Matteo Furlan hanno ripetuto la via, confermano gradi e divertimento, con un orario simile a la nostra salita completa.
Madre Tierra è dedicata alla Patagonia e alle sue esperienze uniche, al nostro mondo terrestre, a Monica Campo e alla mia mamma. 
 
Valle di Zoldo, Dolomiti (Veneto)
Rocchetta Alta di Bosconero 2412 m
Madre Tierra
Diego Toigo, Santi Padrós, Ruggero Arena, Giovanni Andriano, 21 e 30 gennaio
730 m, M6+, AI5
 

Materiale: classico da ghiaccio e misto con un set di Totem, n° 2 e 3 Camalot, 2 microfriends. È utile raddoppiare un paio di misure medie. 5-6 viti di ghiaccio, 4-5 chiodi. Lungo la via si trovano solo rari chiodi.

Accesso: parcheggiare a Pontesei (BL) e seguire il solito avvicinamento per le vie della Rocchetta Alta di Bosconero. Piegare a destra in direzione del canale compreso tra la Rocchetta Alta e Bassa. In breve appare un piccolo canalino: risalirlo fino a una piccola grotta sottostante il camino del primo tiro. 2 h.

Relazione: vedere schema pubblicato qui sopra. In apertura 9 ore di arrampicata.

Discesa: dall’intaglio d’uscita scendere verso est (attenzione) in direzione della forcella tra Rocchetta Alta e Sasso di Toanella. Attrezzate due calate di 60 m su spuntoni e un’ultima di 30 m su abalakov. Dalla forcella si scende facilmente per il canale innevato.

Informazioni e immagini fornite da Santi Padrós.

Zenit 740x195

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875