Sorejina, 800 m, WI5+, M6, 50°

Relazione della nuova via dei fratelli Gietl al Monte Sella di Sennes

22 gennaio 2021
Simon e Manuel Gietl hanno aperto Sorejina, una via di ghiaccio e misto sulla parete sud-ovest del Monte Sella di Sennes.

Di seguito il report e la relazione di Simon Gietl.

Il 10 gennaio scorso i due fratelli altoatesini Simon e Manuel Gietl sono andati a dare un'occhiata da vicino a un ripido camino che Manuel aveva notato alcuni anni fa durante una scalata e che, nel mese di aprile, era completamente ghiacciato.
Ma Simon e Manuel sono rimasti delusi: niente ghiaccio nel camino. Per salvare la giornata occorre un “piano B”. Simon scopre un canale ripido e ghiacciato un centinaio di metri più a ovest. I due decidono di salire, di nuovo per dare solo un'occhiata. L'arrampicata si rivela impegnativa ma molto piacevole. Nella terza lunghezza li attende un tratto di ghiaccio ripido e piuttosto insidioso. Dopo un tratto faticoso su per un ripido nevaio da tracciare, trovano una linea ghiacciata che offre un'ottima arrampicata con un percorso logico. Queste lunghezze di ghiaccio però prendono il sole già a mezzogiorno e possono farsi rapidamente delicate. I due allora decidono di scendere e tornare il giorno successivo partendo di buon’ora, prima dell’arrivo del sole in parete.
L’11 gennaio i due Gietl sono già alle 10 presso il punto da cui si erano calati il giorno precedente. Dopo altri faticosi 100-150 metri su neve ripida scalano due tiri di misto che li conducono ai piedi dell'imponente parete terminale della Sennespitze. Ai piedi di questa imponente fascia rocciosa piegano a destra con percorso evidente. Tre grandi tiri di misto conducono infine i due fratelli all'altopiano di Sennes, dopo circa 7,30 ore di salita.
Il contrasto non può essere maggiore: dopo ore appesi a una parete ripida, gelida e ombrosa, si trovano ora su un vasto pianoro soleggiato.
Lungo l’altopiano i due scendono al Rifugio Sennes, poi a Pederü. Infine tornarono alla località di partenza dove, alle 17:30, il termometro dell’auto segnala esattamente la stessa temperatura dell’ora di partenza, le 5:15 del mattino: -23,5°.

 

Dolomiti (Trentino-Alto Adige)
Monte Sella di Sennes/Muntejela de Senes 2787 m, parete sud-ovest
Sorejina (Figlia del sole)
Simon e Manuel Gietl, 10-11 gennaio 2021
800 m ca. WI5+, M6, 50°
 

Itinerario misto molto vario che segue una linea logica. C’è di tutto: ghiaccio ripido, faticosa salita nella neve profonda, arrampicata delicata su rocce a volte difficili. I mattinieri e gli amanti del freddo saranno ricompensati con le migliori condizioni, in pieno inverno, quando il pericolo valanghe è limitato.

Materiale. Classico da ghiaccio e misto. A eccezione di alcune soste, allestite con chiodi da roccia e su clessidre, e di alcuni chiodi di progressione (specialmente nella parte superiore), la via è da proteggere. Portare un’ampia gamma di friends, 10-12 viti (anche corte), chiodi vati e martello, due corde.

Relazione. Vedere schema e foto.

Accesso. Da S. Vigilio (BZ) salire in Val di Rudo fino al parcheggio in località Tàmersc, all’ingresso della valle omonima. Lasciare l’auto e traversare in direzione nord-ovest in un ampio canalone. Seguirlo, poi piegare a nord verso una ripida parete rocciosa. Traversare in direzione ovest ai piedi della parete fino all'attacco (canale ripido). 1 h ca., consigliabili gli sci. Coordinate attacco: 46.662658, 12.012503.

Discesa. In doppia lungo il percorso (delicato, da attrezzare) oppure a piedi: traversate l'altopiano sommitale (Sennes Alm) in direzione est fino al Rifugio Sennes. Scendere lungamente su strada fino a Pederü. Da lì tornare a Tàmersc seguendo la strada di fondovalle (2-3 h).

Relazione e immagini fornite da Simon Gietl.

S21 webbanner ctc 740x195

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875