Nina Caprez ripete la poco conosciuta Headless Children (260m, 8b)

Altra bellissima salita in Rätikon per la fortissima svizzera

20 settembre 2018
Ritorno prepotente in Rätikon per Nina Caprez dove sale Headless Children, via raramente ripetuta in oltre 20 vent’anni dalla sua apertura.


Che si cercasse cose non semplici già si sapeva ma come ogni volta riesca a stupire sempre di più, è una caratteristica dei veri fuoriclasse. Nina Caprez non è nuova al Rätikon. Già nel 2011 era riuscita nella strabiliante impresa di mettere a segno la prima femminile di Silbergeier, una delle mille perle di Beat Kammerlander e sempre di Beat era anche Die Unendliche Geschichte, che Nina ha salito con Barbara Zangerl nel 2015, stesso anno in cui ha salito anche Hannibals Alptraum accompagnata da una delle leggende di questo sport, Marc LeMenestrel.

Headless Children era una via sconosciuta ai più fino a poco fa e solo la ripetizione da parte di Kilian Fishhuber un paio di anni fa ha riportato la giusta notorietà a questo itinerario. Pur non essendo molto lunga, circa 260 metri, raggiunge la difficoltà di 8b e, in coerenza con lo stile del Rätikon, presenta una arrampicata tecnica ed esigente nonché esposta. La prima salita risale al 1999 grazie a M. Müller, K. Mathis e B. Rüdisser ma fu M. Amann a realizzare la prima salita in libera nel 2008.

news nina instagram/ thecrag.com

Banner mammut up climbing 740x195

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875