Fase 2: torniamo in natura!

Meno limiti sulle attività motorie in ambiente dal 4 maggio

30 aprile 2020
Fase 2: torniamo in natura! È questo il titolo di una nuova petizione interessante per tutti gli appassionati di sport outdoor.

Un gran numero di sportivi italiani si sta chiedendo se dal 4 maggio cambierà qualcosa dal punto di vista della libertà di praticare sport individuale all’aperto. Il DPCM firmato il 26 aprile non offre risposte chiare, soprattutto a chi è costretto a un minimo spostamento per praticare la sua attività in un luogo adeguato.

Citando un aggiornamento della petizione in oggetto: «Abbiamo letto il DPCM che contiene le nuove misure per la cosiddetta Fase 2 dal 4 maggio. Dobbiamo ammettere che non ravvisiamo nessuna indicazione rispetto alla possibilità di spostarsi in auto per fare escursioni o altre attività sportive in ambiente naturale e in montagna. A quanto si legge, restano “consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute” con la differenza che si considerano necessari anche gli spostamenti per incontrare i “congiunti”. Il decreto prevede inoltre “l'accesso del pubblico ai parchi, alle ville e ai giardini pubblici” nel rispetto delle misure di sicurezza, senza il vincolo di prossimità alla propria abitazione, e la possibilità di svolgere “individualmente, ovvero con accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti, attività sportiva o attività motoria”. Sì tratta certamente di un miglioramento rispetto all'attuale situazione di quasi totale confinamento domestico, ma di sicuro non è l’apertura in cui speravamo e che riteniamo sia ora possibile e auspicabile, sia per migliorare la nostra salute psico-fisica, sia per alleggerire la pressione su parchi e giardini cittadini, soprattutto nei grandi centri urbani e nei territori più antropizzati».

La petizione si trova qui.

Nel frattempo la già nota petizione relativa al territorio della Valle d’Aosta, che ha sollevato grande interesse mediatico, ha raggiunto 8170 firme in 11 giorni. I primi firmatari affermano «Adesso consegneremo la petizione alle autorità competenti sperando che le nostre indicazioni vengano accolte».

Articolo di Marco Romelli.

S21 webbanner ctc 740x195

Copyright © Up-climbing.com By Versante Sud Srl
Sede legale Milano via G. Longhi, 10 - Registro Imprese di Milano P.IVA n. 12612150156 REA MI-1569599 - Cap. Sociale euro 10.000,00

Logo footer e307f2bce5042c4e7a257ec709ea497334ec09124162c27e291131063b267875