Monossido di carbonio al Refuge d’Argentière - Up-Climbing

Monossido di carbonio al Refuge d’Argentière

Allarme ieri notte per monossido di carbonio al Refuge d’Argentière (Monte Bianco).

Ieri, giovedì 10 marzo, poco prima di mezzanotte, il PGHM (soccorso alpino) di Chamonix ha ricevuto una chiamata dal Refuge d’Argentière per un malessere.

Arrivati sul posto, i soccorritori e il medico hanno riscontrato la presenza di una forte concentrazione di monossido di carbonio, causata probabilmente dal malfunzionamento della stufa a legna.

Tutte le persone alloggiate al rifugio, eccetto il rifugista, sono state evacuate con un impegnativo viavai notturno di elicotteri. Sette persone sono state ricoverate all’ospedale di Sallanches, diciassette sono state prese in carico dai pompieri e sei dal comune di Chamonix. L’operazione si è conclusa alle quattro del mattino.

MR. Fonte PGHM Chamonix.

Condividi: