AMMIT, 160 m, 7c - Up-Climbing

AMMIT, 160 m, 7c

Relazione di una via al Pilastro Kramek in Val Formazza

Gli apritori

Nel mese di settembre 2018 Fabrizio Fratagnoli e Luigi Buson hanno tracciato Ammit, una nuova via in Val Formazza.

L’itinerario affronta la verticalissima e impressionante parete nord del Pilastro Kramek, costituita per lo più da solido granito, seguendo le poche fessure e i diedri che permettono di passare in libera. Il quarto tiro però non è stato liberato (diff. stimata tra 8c+ e 9a) e gli apritori si sono arrestati a 40 metri dalla sommità della parete a causa delle difficoltà troppo elevate.

Prestare attenzione al terzo tiro che, malgrado la pulizia effettuata, si svolge su roccia ancora instabile. Periodo consigliato per l’arrampicata: da maggio a ottobre nei giorni festivi, quando le vicine cave non sono attive.

Val Formazza, Alpi Lepontine (Piemonte)
Pilastro Kramek 1100 m, parete nord
Ammit
Fabrizio Fratagnoli, Luigi Buson, settembre 2018
160 m, 7 L, 7c (6b+ obbl.), L4 non liberata (grado stimato 8c+/9a)

Materiale. Classico da roccia con due corde da 60 m, 11 rinvii (dei quali alcuni lunghi), cordini e fettucce con moschettone per allungare le protezioni, serie di friend (BD C4 da n. 0,3 a 3, eventualmente raddoppiare da n. 0,3 a 0,75). La via è attrezzata con 31 fix da 10 mm più 2 fix alle soste.

Accesso. Da Domodossola seguire la SS 659 per la Val Formazza fino alla località Rivasco. Proseguire ancora un chilometro ca. e, attraversato un ponte sul fiume Toce, deviare a destra su una strada in salita che conduce a una cava. Pochi metri dopo la prima curva a sinistra lasciare l’auto e proseguire a piedi lungo la stessa strada. Dopo ca. 15’, presso un tornante verso destra dove la strada si avvicina ad alcuni contrafforti rocciosi, abbandonarla e salire in direzione dell’evidente parete per pietraia e vaghe tracce di sentiero. Arrivati contro la parete seguirla verso sinistra fino all’attacco della via, segnato dal nome e da un tassello. 30’ dal parcheggio.

Relazione. Vedere immagine.

Discesa. Due calate: la prima dall’ultima sosta a una seconda attrezzata fuori via, la seconda da lì alla base della parete.

Informazioni fornite da Fabrizio Fratagnoli. Immagini: coll. apritori.

Nota: l’arrampicata e l’alpinismo sono attività potenzialmente pericolose, che devono essere affrontate con esperienza e consapevolezza. L’uso delle informazioni qui riportate si fa a proprio rischio.
Condividi: