Tito Claudio Traversa - Up-Climbing

Tito Claudio Traversa

 
Tito Claudio Traversa (classe 2001) è uno dei migliori giovanissimi climber italiani: campione italiano Under 10 specialità boulder, vincitore del Promo Rock a Lecco e terzo al Rock Junior di Arco, ha al suo attivo la redpoint di Le portatrici di sale 7c e di Bricolage 7b nella falesia di Champorcher (Valle d’Aosta), Spettri nelle tenebre 7b+ e La formula magica 7b a Tschachtelaz presso Gressoney (Valle d’Aosta), Vietato Banfare 7b+ e Trip 7a+ a Frachiamo (Valle dell’Orco – Piemonte), Perchè non parli 7c, Ombre lunghe 7c e Fiaba sit start 7b+ a Monte nero vicino a Ivrea (Piemonte). A Finale Ligure ha salito due 7b "storici": Avaria e Monregalesi al rhum, inoltre Un uomo un perchè 7b+ e  Topomix colpisce ancora un 7c+, mentre a Ceredo (Verona) si è aggiudicato Super canna storico 7b+ della falesia.
 
In questi ultimi giorni (aprile 2010) si è aggiudicato due 8a: Faith, al settore Biellesi di Donnas (Valle d’Aosta) e La diretta Basolo a Frachiamo, oltre ad un altro 7c+, Black faith, sempre al settore Biellesi di Donnas.  
 
Tito è figlio di un arrampicatore sportivo che all’inizio degli anni ’90 ha fatto l’8a e da lui ha ricevuto in dote la grande passione per il verticale e l’abilità tecnica. Ovviamente Tito ci ha messo tutta la sua voglia di mettersi in gioco, ha ascoltato i consigli e bruciando le tappe è arrivato in pochissimo tempo a notevoli livelli.
 
 
 
Intervista di Mario Sertori
 
Una piccola presentazione per quelli che ancora non ti conoscono….
 
"Ho otto anni (ne farò nove il 22 Aprile), vivo ad Ivrea (TO) e frequento la terza elementare alla scuola Fiorana."
 
Quando hai scoperto l’arrampicata e con chi?
 
"Ho iniziato presto a fare sport: pattinaggio inline, su ghiaccio, sci, bici e, per quanto riguarda l’arrampicata, solo qualche passaggino. Poi, nel 2007, grazie ad una vacanza in Verdon con mio papà ed un nostro amico che arrampicava con papà venti anni fa, ho fatto il mio primo terzo grado top rope. I primi quarti (grado) a Finale sono di Agosto 2007.
 
Che cosa ti dicono i tuoi compagni di scuola, sapendo che sei così forte nella scalata?
 
"Nulla di particolare, forse perchè non conoscono il mondo dell’arrampicata. Mi fanno delle domande quando porto qualche medaglia vinta nelle gare o il mio zaino con le scarpette, la magnesite, l’imbrago etc"
 
Ti alleni regolarmente? In palestra o in falesia?
 
"Fortunatamente quest’anno sono riuscito ad allenarmi regolarmente un paio di volte alla settimana. Una volta vado in palestra da Alberto Gnerro (la "Run out" di Pollone per la quale gareggio), una volta al Palabraccini a Torino. Un weekend ogni due vado in falesia."*
 
In generale, preferisci la pietra o la plastica?
 
"Preferisco la pietra, la plastica va bene per l’allenamento ed è divertente per le gare"
 
Quanto sei alto? Come ti trovi con le chiodature delle vie?
 
"Purtroppo, per adesso, sono alto solo 132 cm circa. Tipicamente, soprattutto sulle vie più difficili, la chiodatura è lunga come i passaggi, tanto da rendere alcuni "lanci", con il chiodo lontano sotto i piedi, particolarmente "emozionanti" (poi, quando volo, mi diverto)."
 
Ti piace fare boulder?
 
"Sì, mi piace tanto come fare le vie. Fino ad ora ci sono andato poco, ma credo che ci andrò di più."
 
Qual è il tuo stile di arrampicata preferito?
 
"Se il significato della domanda è quale "tipo" di parete preferisco, la risposta è strapiombo. Se il significato è quale "modo" di arrampicare direi stile "Sharma"."
 
E il tuo climber "di riferimento"?
 
"Adam Ondra e Chris Sharma da sempre, ma anche Klem Loskot e Alex Huber. Mi fa molto piacere ricordare due top climbers che sono due amici: Usobiaga e Ramonet e naturalmente Alberto Gnerro"
 
 
Che cosa ti piace di più nell’arrampicare?
 
"Quando parti sulla via. Sei solo tu e la roccia e devi trovare i movimenti giusti, ogni volta diversi, su ogni tipo di roccia, per arrivare in cima. Ma anche i bei posti, la natura, la gente, gli amici nuovi, etc"
 
Qual’è la tua falesia preferita?
 
"Tra quelle dove sono stato ad arrampicare Siurana. Vorrei andare ad arrampicare in molte falesie spagnole (Oliana, Santa Linya, Margalef) e a Kalymnos."
 
Che emozione hai provato quando hai chiuso il tuo primo 8a?
 
"Un’emozione grandissima. Desideravo molto fare un 8a prima del mio nono compleanno ed in particolare quella via che mio papà ha fatto vent’anni fa. E poi, tre giorni dopo, ho chiuso il secondo… Incredibile."
 
Hai partecipato a delle gare: sei arrivato terzo al Rock Junior e hai vinto il PromoRock a Lecco. Ti piace la competizione, il clima delle gare…?
 
"Sì, mi piacciono molto le gare. Mi piace ricordare il Promo Rock perchè è stata la mia prima gara, il Rock Junior perchè è una bella manifestazione con bimbi da tutto il mondo e si scala sulla stessa struttura del Rock Master ed infine il Campionato Italiano perchè ho conquistato la medaglia d’oro nel boulder."
 
Infine…un sogno nel cassetto…?
 
"Nel prossimo futuro andare a provare la prima parte della "Rambla" (la fessura) che Adam grada 8a/a+ e poi poter scalare in quel settore ( "El Pati" di Siurana) su qualsiasi via."
 
 

Condividi: