MOVES TO BELLINO: UN TRIONFO! - Up-Climbing

MOVES TO BELLINO: UN TRIONFO!

GRANDE SUCCESSO PER IL PRIMO RADUNO 

Concluso con successo il primo raduno boulder nella neonata area di Fontanile (Cuneo).

Dopo una stagione di grandi pulizie, i local Ezio, Renato e Diego hanno aperto le porte del loro parco giochi. In un weekend anomalo per le temperature, insolite per il mese di ottobre, più di cento climber si sono avvicendati nella neonata metà cuneese dedicata al bouldering. Il successo è stato trasversale e la fama del posto si sta imponendo a gamba tesa, tanto da attirare diversi scalatori provenienti da altri Paesi.

Nella giornata di sabato, le danze si sono aperte al mattino, con l’accoglienza nella piazza e poi il relativo avvicinamento. La giornata è scorsa in tranquillità con la presentazione dei boulder principali, contenenti decine di linee dal tre all’8A. Diversi fortunati poi hanno potuto approfittare di linee pulite in attesa di prime salite, una bella occasione per lasciare una firma in una location d’eccezione. Durante la serata poi, le danze si sono aperte con un abbondante aperitivo di prodotti tipici, per poi continuare fino a tarda notte. “L’evento è riuscito alla perfezione, soprattutto grazie al meteo” spiega Ezio Rinaudo, organizzatore dell’evento. “Le realtà sul territorio stanno accogliendo benissimo le nostre attività, come anche gli abitanti della valle e le istituzioni del territorio. Gli abitanti in particolare ci hanno accolto calorosamente, aprendoci le porte e cercando di accomodarci in ogni modo.

La giornata di domenica ha replicato il successo del sabato, con una grande partecipazione e un rispetto assoluto della valle. Tutto questo è possibile grazie all’approccio dei ragazzi di Takkebasse, la realtà che si occupa di promuovere l’arrampicata nelle zone della Val Varaita. Insieme a numerose falesie e spot boulder, la zona di Fontanile è pronta ad accogliere numerosi climber. L’approccio rispettoso ed educato degli scopritori del luogo ha permesso di creare un clima disteso e curioso tra climber e abitanti del luogo. La strada è tracciata, sta ora ai singoli frequentatori mantenere questo clima!

Cortesia foto Paolo Peirano e Christian Liprandi per Takkebasse 

Alessandro Palma

Condividi: