Giuseppe "Popi" Miotti - Up-Climbing

Giuseppe “Popi” Miotti

 <!–
/* Font Definitions */
@font-face
{"Times New Roman";
panose-1:0 2 2 6 3 5 4 5 2 3;}
@font-face
{
panose-1:0 2 11 6 4 2 2 2 2 2;}
@font-face
{}
@font-face
{}
@font-face
{}
@font-face
{}
@font-face
{}
@font-face
{}
@font-face
{}
/* Style Definitions */
p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal
{mso-style-parent:"";
margin:0cm;
margin-bottom:.0001pt;
font-size:12.0pt;"Times New Roman";}
p.MsoList, li.MsoList, div.MsoList
{mso-style-parent:"Body Text";
margin-top:0cm;
margin-right:0cm;
margin-bottom:6.0pt;
margin-left:0cm;
font-size:12.0pt;"Times New Roman";}
p.MsoBodyText, li.MsoBodyText, div.MsoBodyText
{margin-top:0cm;
margin-right:0cm;
margin-bottom:6.0pt;
margin-left:0cm;
font-size:12.0pt;"Times New Roman";}
span.Absatz-Standardschriftart
{
mso-style-parent:"";}
span.testo
{
mso-style-parent:"";
font-size:8.0pt;
font-weight:normal;
font-style:normal;}
span.numerofascettaverticale
{mso-style-name:"numero fascetta verticale";
mso-style-parent:"";
font-size:9.0pt;
font-variant:normal;
color:gray;
text-transform:none;
letter-spacing:-.9pt;
text-effect:none;
text-decoration:none;
text-underline:none;
text-decoration:none;
text-line-through:none;
font-weight:bold;
font-style:normal;
vertical-align:baseline;
vertical-align:baseline;}
p.Intestazione, li.Intestazione, div.Intestazione
{
mso-style-next:"Body Text";
margin-top:12.0pt;
margin-right:0cm;
margin-bottom:6.0pt;
margin-left:0cm;
page-break-after:avoid;
font-size:14.0pt;}
p.Didascalia, li.Didascalia, div.Didascalia
{
margin-top:6.0pt;
margin-right:0cm;
margin-bottom:6.0pt;
margin-left:0cm;
font-size:12.0pt;"Times New Roman";
font-style:italic;}
p.Indice, li.Indice, div.Indice
{
margin:0cm;
margin-bottom:.0001pt;
font-size:12.0pt;"Times New Roman";}
p.Nessunostileparagrafo, li.Nessunostileparagrafo, div.Nessunostileparagrafo
{mso-style-name:"\[Nessuno stile paragrafo\]";
mso-style-parent:"";
margin:0cm;
margin-bottom:.0001pt;
line-height:120%;
font-size:12.0pt;
color:black;}
p.Paragrafobase, li.Paragrafobase, div.Paragrafobase
{mso-style-name:"\[Paragrafo base\]";
mso-style-parent:"\[Nessuno stile paragrafo\]";
margin:0cm;
margin-bottom:.0001pt;
line-height:120%;
font-size:12.0pt;
color:black;}
p.Stilediparagrafo2, li.Stilediparagrafo2, div.Stilediparagrafo2
{mso-style-name:"Stile di paragrafo 2";
mso-style-parent:"\[Paragrafo base\]";
margin:0cm;
margin-bottom:.0001pt;
line-height:120%;
font-size:9.0pt;
color:black;}
p.Normale, li.Normale, div.Normale
{
mso-style-parent:"\[Nessuno stile paragrafo\]";
margin:0cm;
margin-bottom:.0001pt;
line-height:120%;
font-size:12.0pt;
color:black;}
@page Section1
{size:612.0pt 792.0pt;
margin:72.0pt 90.0pt 72.0pt 90.0pt;}
div.Section1
{page:Section1;}
–>

A completamento dell’intervista parziale a Giuseppe Miotti montata nel film "Mellissimo!", accanto ai commenti di Simone Pedeferri, Gianluca Maspes e tanti altri protagonisti del boulder lombardo, ecco l’intervista video integrale. 
Qui sotto il profilo di Giuseppe Miotti e il breve stralcio dell’intervista pubblicato sulla guida Mello Boulder.
 
 

Giuseppe “Popi” Miotti

intervista di Andrea Pavan
Soprannominato “Il Don” fu tra i primissimi frequentatori sistematici del Sasso Remenno e può essere considerato il padre del bouldering in Valmasino; insieme a Boscacci e Panzeri contribuì a valorizzare la vecchia area boulder di Cimaganda.
Storica fu la salita di GOLDRAKE nel 1975 6c, che precorse i tempi.
Nel 1981 libera IL NIPOTE DI GOLDRAKE, primo 7b+ d’Italia e in seguito toccherà a PER VOI GIOVANI, tra i primi 7a della valle assieme al VERMUTH STRISCIUT, liberato dal torinese Marco Bernardi. Del vicino NOSFERATU fece invece la prima salita, prima in artificiale e poi utilizzando una corda di assicurazione, visto che ai tempi non c’erano materassi e cadere voleva dire farsi male.
Si riporta un’aneddoto scritto da Miotti in occasione della prima salita integrale di GOLDRAKE. Location: sotto la parete sud del Sasso Remenno intorno alla metà degli anni ’70.
Racconta Miotti: ”…un giorno i Ragni arrivano al Remenno; mi si avvicina Daniele Chiappa appena reduce del Cerro Torre e con tono arrogante e di sfida mi dice: “Siete voi i sassisti? Beh allora fammi vedere dov’è sto VII° grado di cui parlate tanto”.
Lo porto sotto Goldrake e con tono modesto gli dico: “Questo dovrebbe essere VII° o forse più.” E lui di rimando: “Fammi vedere allora…”
Io m’attacco a Goldrake, prima mai salito interamente, e lo sparo su lasciando il Chiappa con un palmo di naso. Poi per tutto il giorno i Ragni migliori, con le loro pedule rigide Galibier modello Sassouis, tentarono invano di superare il passaggio. Immaginate la goduria… Fra loro c’era anche Sergio Panzeri con il quale feci poi amicizia e che per anni scalò in Valle.”
In seguito Miotti, diventato guida alpina abbandona il boulder, dopo aver quasi liberato IL SOGNO DI TARZAN e si dedica soprattutto all’alpinismo, all’arrampicata esplorativa e diventa un attivo divulgatore di alpinismo nonché prolifico scrittore e compilatore di guide alpinistiche.
Attualmente frequenta ancora il sasso Remenno e lo si vede spesso scalare con disinvoltura sia le placcose vie della parete sud sia tiri più fisici ed atletici.
<!–
/* Font Definitions */
@font-face
{font-family:"Times New Roman";
panose-1:0 2 2 6 3 5 4 5 2 3;
mso-font-charset:0;
mso-generic-font-family:auto;
mso-font-pitch:variable;
mso-font-signature:50331648 0 0 0 1 0;}
@font-face
{font-family:Arial;
panose-1:0 2 11 6 4 2 2 2 2 2;
mso-font-charset:0;
mso-generic-font-family:auto;
mso-font-pitch:variable;
mso-font-signature:50331648 0 0 0 1 0;}
@font-face
{font-family:HelveticaNeue;
mso-font-alt:Times;
mso-font-charset:0;
mso-generic-font-family:swiss;
mso-font-pitch:auto;
mso-font-signature:50331648 0 0 0 1 0;}
@font-face
{font-family:Shannon-Book;
mso-font-alt:Times;
mso-font-charset:0;
mso-generic-font-family:auto;
mso-font-pitch:auto;
mso-font-signature:50331648 0 0 0 1 0;}
@font-face
{font-family:Futura-Bold;
mso-font-charset:0;
mso-generic-font-family:auto;
mso-font-pitch:auto;
mso-font-signature:50331648 0 0 0 1 0;}
@font-face
{font-family:TimesNewRomanPSMT;
mso-font-alt:Times;
mso-font-charset:0;
mso-generic-font-family:roman;
mso-font-pitch:auto;
mso-font-signature:50331648 0 0 0 1 0;}
/* Style Definitions */
p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal
{mso-style-parent:"";
margin:0cm;
margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:none;
mso-hyphenate:none;
font-size:12.0pt;
font-family:"Times New Roman";
mso-font-kerning:.5pt;
mso-ansi-language:IT;}
p.MsoList, li.MsoList, div.MsoList
{mso-style-parent:"Body Text";
margin-top:0cm;
margin-right:0cm;
margin-bottom:6.0pt;
margin-left:0cm;
mso-pagination:none;
mso-hyphenate:none;
font-size:12.0pt;
font-family:"Times New Roman";
mso-font-kerning:.5pt;
mso-ansi-language:IT;}
p.MsoBodyText, li.MsoBodyText, div.MsoBodyText
{margin-top:0cm;
margin-right:0cm;
margin-bottom:6.0pt;
margin-left:0cm;
mso-pagination:none;
mso-hyphenate:none;
font-size:12.0pt;
font-family:"Times New Roman";
mso-font-kerning:.5pt;
mso-ansi-language:IT;}
span.Absatz-Standardschriftart
{mso-style-name:Absatz-Standardschriftart;
mso-style-parent:"";}
span.testo
{mso-style-name:testo;
mso-style-parent:"";
font-size:8.0pt;
font-weight:normal;
font-style:normal;}
span.numerofascettaverticale
{mso-style-name:"numero fascetta verticale";
mso-style-parent:"";
font-size:9.0pt;
font-variant:normal;
color:gray;
text-transform:none;
mso-text-raise:0pt;
letter-spacing:-.9pt;
text-effect:none;
text-decoration:none;
text-underline:none;
text-decoration:none;
text-line-through:none;
font-weight:bold;
font-style:normal;
vertical-align:baseline;
vertical-align:baseline;}
p.Intestazione, li.Intestazione, div.Intestazione
{mso-style-name:Intestazione;
mso-style-next:"Body Text";
margin-top:12.0pt;
margin-right:0cm;
margin-bottom:6.0pt;
margin-left:0cm;
mso-pagination:none;
page-break-after:avoid;
mso-hyphenate:none;
font-size:14.0pt;
font-family:Arial;
mso-font-kerning:.5pt;
mso-ansi-language:IT;}
p.Didascalia, li.Didascalia, div.Didascalia
{mso-style-name:Didascalia;
margin-top:6.0pt;
margin-right:0cm;
margin-bottom:6.0pt;
margin-left:0cm;
mso-pagination:no-line-numbers;
mso-hyphenate:none;
font-size:12.0pt;
font-family:"Times New Roman";
mso-font-kerning:.5pt;
mso-ansi-language:IT;
font-style:italic;}
p.Indice, li.Indice, div.Indice
{mso-style-name:Indice;
margin:0cm;
margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:no-line-numbers;
mso-hyphenate:none;
font-size:12.0pt;
font-family:"Times New Roman";
mso-font-kerning:.5pt;
mso-ansi-language:IT;}
p.Nessunostileparagrafo, li.Nessunostileparagrafo, div.Nessunostileparagrafo
{mso-style-name:"\[Nessuno stile paragrafo\]";
mso-style-parent:"";
margin:0cm;
margin-bottom:.0001pt;
line-height:120%;
mso-pagination:none;
mso-hyphenate:none;
font-size:12.0pt;
font-family:TimesNewRomanPSMT;
color:black;
mso-font-kerning:.5pt;
mso-ansi-language:IT;}
p.Paragrafobase, li.Paragrafobase, div.Paragrafobase
{mso-style-name:"\[Paragrafo base\]";
mso-style-parent:"\[Nessuno stile paragrafo\]";
margin:0cm;
margin-bottom:.0001pt;
line-height:120%;
mso-pagination:none;
mso-hyphenate:none;
font-size:12.0pt;
font-family:TimesNewRomanPSMT;
color:black;
mso-font-kerning:.5pt;
mso-ansi-language:IT;}
p.Stilediparagrafo2, li.Stilediparagrafo2, div.Stilediparagrafo2
{mso-style-name:"Stile di paragrafo 2";
mso-style-parent:"\[Paragrafo base\]";
margin:0cm;
margin-bottom:.0001pt;
line-height:120%;
mso-pagination:none;
mso-hyphenate:none;
tab-stops:136.05pt 153.05pt 178.6pt 192.75pt 203.55pt 330.0pt;
font-size:9.0pt;
font-family:HelveticaNeue;
color:black;
mso-font-kerning:.5pt;
mso-ansi-language:IT;}
p.Normale, li.Normale, div.Normale
{mso-style-name:Normale;
mso-style-parent:"\[Nessuno stile paragrafo\]";
margin:0cm;
margin-bottom:.0001pt;
line-height:120%;
mso-pagination:none;
mso-hyphenate:none;
font-size:12.0pt;
font-family:Helvetica;
color:black;
mso-font-kerning:.5pt;
mso-ansi-language:IT;}
@page Section1
{size:612.0pt 792.0pt;
margin:72.0pt 90.0pt 72.0pt 90.0pt;
mso-header-margin:36.0pt;
mso-footer-margin:36.0pt;
mso-paper-source:0;}
div.Section1
{page:Section1;}
–>
Quando hai cominciato a scalare sui massi?
Attorno al 1975, ed ho continuato per diversi anni. Allora il sassismo non era solo confinato alla scalata sui massi ma era un modo di intendere l’arrampicata sotto vari aspetti, era un modo di vivere.
 
Cosa erano i sassisti?
I Sassisti erano degli anarchici che in aperto conflitto con lo status quo dell’alpinismo classico di allora avevano abbracciato le nuove filosofie alpinistiche che erano in voga tra gli scalatori dello Yosemite. Lo scopo non era più scalare la cima di una montagna: era importante il come.
 
Chi erano i sassisti?
Il nucleo originario dei sassisti è sondriese ma essi hanno mescololato le loro esperienze anche con altri scalatori provenienti da fuori come Ivan Guerini. Il movimento è stato fondato nel 1975 ed i più importanti sono stati Antonio Boscacci, Jacopo Merizzi, Guido Merizzi, Giovanni Pirana, Francesco Boffini, Giuseppe Miotti, Federico Madonna e Paolo Masa.
 
Chi ha cominciato a chiamarli così?
Il nome è stato dato durante una tavola rotonda presso il CAI Valtellinese dal momento che la vecchia guardia (i Rigidi) non sapeva come chiamare questi giovani cha salivano sui sassi e sulle strutture di fondovalle della Val di Mello. Allora l’Accademico Tullio Speckenhauser disse che non poteva far passare per alpinismo quello che quei ragazzi stavano facendo, tutt’al più “sassismo”. Da qui il nome.
 
Come si è evoluta la tua arrampicata?
Premetto che è da un po’ di anni che non salgo più i massi, attualmente scalo con la corda. Ho avuto però due periodi di scalata sui massi: il primo, negli anni ‘75/’76 in cui venivano scoperti e saliti i primi passaggi in Valle, più come allenamento per le salite che si sarebbero fatte lungo le pareti in quota. Una seconda fase (‘81/’84) è stata più sportiva e un po’ spinta sull’alta difficoltà. C’erano alcuni progetti che andavano risolti, come Nosfertau e il Nipote di Goldrake, però più per la bellezza della linea che per la difficoltà in sé.
 
Differenze tra i sassisti e i boulderisti attuali
Da tanti anni l’arrampicata in generale presenta una carenza di fantasia, noi eravamo più provocatori. Anche negli scritti: gli articoli oggi sono tutti standardizzati e non c’è un articolo di rottura che fa vedere il boulder sotto una luce diversa.
 
Cosa ne pensi delle nuove generazioni più dedite alla sportiva o al bouldering e meno propense a praticare l’alpinismo?
ネ normale preferire i comodi blocchi nel fondovalle piuttosto che fare cinque ore a piedi per fare una via alpinistica magari anche pericolosa. Peccato però, perchè dalle vie classiche impari a scalare e a cercare la linea logica. Si dovrebbe prediligere la linea più logica, non necessariamente la più difficile.

Condividi: