Soriano unveiled! - Up-Climbing

Soriano unveiled!

Un grande regalo dei Sassisti Tusciaroli!

 
Giusto poche settimane fa, Alessandro Marinaro, uno dei promotori dell’affiatato gruppo dei Sassisti Tusciaroli, è stato ospite a Climbing Radio nella trasmissione Climbing Spot per parlare di boulder in Tuscia, e in particolare di Soriano nel Cimino e Vitorchiano. Aree storiche del boulder italiano, sviluppate fin dall’inizio del millennio ma poi rimaste sempre misteriose, anche a causa dell’assenza di guide e relazioni che ne recensissero i massi.

Soriano sorge in contesto naturale particolare, sulle pendici del Monte Cimino, con le sue faggete protette e la sua particolare roccia vulcanica, che fin da suo primo sviluppo è diventata metà dei boulderisti viterbesi e romani, alcuni dei quali si sono appunto poi organizzati nel gruppo dei Sassisti Tusciaroli. Una bella comunità del boulder italiano, nata con l’intento di promuovere questa disciplina per renderla accessibile a tanti, cercando nel contempo la collaborazione degli enti locali al fine di conservare i luoghi e la loro bellezza naturale.

Proprio dal loro impegno è in questi giorni arrivato il successivo step, con la pubblicazione della prima guida aperta a tutti e che finalmente svela le possibilità boulderistiche di questa storica area.

Annunciata dai profili Instagram e Facebook del gruppo, per ora la guida è relativa al settore denominato “Shining”, l’unico in cui si può arrampicare nella Faggeta Vetusta, area protetta dall’UNESCO.

Il link per scaricarne il pdf è il seguente, per una ventina di pagine chiare e ben fatte in cui trovare le indicazione precise per raggiungere i massi e i tracciati delle singole linee, il tutto preceduto da alcune indicazioni sulle “norme” da rispettare per praticare il boulder in modo sostenibile e sicuro.

Un importante regalo ai boulderisti di tutta Italia, che possono così ora approcciarsi ai massi di una delle aree più significative del nostro paese, con la speranza che l’entusiasmo, la cura e la passione che i Tusciaroli hanno messo in tutto il loro lavoro vengano ricompensate da una frequentazione sana e rispettosa dei massi di Soriano.

Albertaccia

Condividi: