Il grande alpinismo all'Alpe Devero - Up-Climbing

Il grande alpinismo all’Alpe Devero

 
Sabato 19 e domenica 20 giugno 2010 l’alpinismo di punta di ieri e di oggi si dà appuntamento all’Alpe Devero (Comune di Baceno, Verbania), in occasione del raduno annuale del Cai Lima, l’unica sezione estera del Club alpino italiano, sezione nata quando, soprattutto  negli anni ’70 e ’80, a Lima, in Perù, veniva dato supporto logistico alle spedizioni italiane sulle Ande. In particolare sabato 19 giugno sarà ospite della kermesse alpinistica, insieme a tanti protagonisti italiani della storia dell’andinismo della seconda metà del Novecento, lo scalatore biellese Enrico Rosso che propone un filmato dedicato a Padre De Agostini, lo "scopritore" di cime come il Cerro Torre e il Fitz Roy.
 
Negli ultimi anni il Cai Lima, fondato nel 1973 da quel Celso Salvetti che per, molto tempo, diede sostegno alle spedizioni italiane in Perù (oggi ne è ancora il presidente), dopo essere "rincasato" in Italia (fortemente legato alle terre ossolane alte da che la sua sezione è intitolata a quello stesso Eugenio Margaroli, guida alpina di Domodossola scomparsa nel paese sud americano, a cui è anche dedicato l’omonimo rifugio in Valle Formazza), ha mantenuto una preziosa funzione simbolico-culturale. La sua attività si è così concentrata nella promozione della cultura alpinistica, facendo dei propri raduni un momento conviviale di incontro e di confronto fra i propri soci – in gran parte alpinisti ed ex alpinisti protagonisti della fase esplorativa dell’andinismo – la comunità alpinistica contemporanea e il pubblico degli appassionati. Il fatto che quest’anno, dopo tante peregrinazioni sull’arco alpino, questo importante momento abbia luogo proprio all’alpe Devero, dunque in una delle perle alpine della Val d’Ossola, conferisce all’appuntamento, organizzato in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Baceno e Linea Verticale, ancor più significato. Il filmato Padre Patagonia,presentato dall’alpinista biellese Enrico Rosso, si annuncia come una vera chicca: in occasione del centenario dell’arrivo nelle regioni australi della Patagonia e nella Terra del Fuoco di Padre Alberto Maria De Agostini (fratello del fondatore del noto istituto geografico), esso costituisce un viaggio per immagini attraverso i luoghi che furono teatro dell’attività missionaria, alpinistica, esplorativa e, a suo modo scientifica, di chi è ricordato come uno dei principali scopritori "fotografici" delle montagne "Magellaniche", come il Cerro Torre e il Fitz Roy.
 
programma dettagliato qui

Condividi: