Céüse - Up-Climbing

Céüse

 
 
Di Pierre Délas (Kairn.com) / Foto: Philippe Dufraisse –  coll. Caprez e Moroni
 
Questa settimana (20 giugno 2010), un gruppo di forti arrampicatori si è dato appuntamento a Céüse per cimentarsi sulle classiche vie dure della falesia: ecco il riassunto dei fatti salienti.
 
Guillaume Glairon-Mondet approfitta di un intervallo tra due tappe di Coppa del Mondo per offrirsi “Ba Ba Black sheep” il suo primo 8c+, nel settore Biographie, una via di 35 metri caratterizzata da un duro blocco a metà. Ecco il suo commento:
 
“Sono contento della redpoint: questo è il mio primo 8c+ (se lo si considera così perché alcuni hanno detto che era solo un 8c molto duro) Il percorso originale prevedeva un piccolo lancio supplementare alla fine mentre adesso si riesce ad evitare andando un po’ a destra al termine del difficile, ma Cédric (Lachat, che ha anche lui chiuso la via ) ha detto che è ancora un itinerario più difficile di 8c.
 
Per me è più impegnativo di tutti gli altri 8c che ho fatto … un lancio in un buco, con i piedi messi in una qualche maniera.  Ho veramente tribolato su questa presa rovescia perchè è uno dei miei punti deboli sui blocchi, dopo il lancio è andato bene."
 
Alla domanda sulla sua prestazione in Coppa del Mondo e quello che gli manca per riuscire ad andare in finale, ecco la sua analisi:

”In Russia sono arrivato 11esimo, è un risultato po ‘deludente: mi è mancato sempre qualcosa in ogni gara. Comunque la competizione era molto ben organizzata e inoltre i risultati di ciascuno arrivavano direttamente dopo ogni blocco …

A Vail, è stato lo stesso, mi è mancata  la   finale per un errore nel primo blocco della semifinale, in un movimento che fa parte del mio stile, ma ho sbagliato di piede … Molto bella anche tutta la gara… … Dunque, per arrivare  in finale , devo essere paziente. Ogni gara che faccio trovo  nuove impostazioni e feeling sempre più importanti … E ‘ mia intenzione  fare in fretta! “
 
Dopo aver partecipato la scorsa settimana al festival Explos di Ariege, Nina Caprez e Cedric Lachat erano anche loro della partita. Nina ha chiuso le chirurgien du crépuscule “, 8b. Poi la climber svizzera approfitta il giorno successivo delle buone condizioni di aderenza per salire The black bean 8b+   70 metri nel settore Biographie che prolunga la classica  della falesia, “Les Colonettes".
 
Cédric Lachat si regala l’8c+ di “Ba Ba Black sheep” e “La part du diable “ 8c/c+. Il resoconto del loro soggiorno è già sul blog di Nina. Ecco le prime impressioni della scalatrice svizzera:
 
” Céüse  è il mio luogo preferito per l’arrampicata sportiva. Mi piace l’avvicinamento a piedi, la vista che si gode quando si è in alto e lo stile di arrampicata.” Black Bean mi ha sempre attratto, perché la linea è veramente un gioiello. Dopo “Ramirole” dove ci sono parecchie colonnette, l’inizio di “Black Bean” è veramente facile per me! Dopo la sosta del 7c+, l’avvicinamento al crux non è stato per niente facile, e il passaggio chiave riserva un movimento un po’ cattivo per la spalla sinistra (la mia ha subito un incidente). Ma ho tenuto una presa piatta e così il passaggio era fattibile senza forzare.

 Poi c’è un passaggio iperdelicato di piedi per arrivare a una parte più facile di 15 metri di 7c prima di trovare il secondo crux nella parte superiore della via. Ma anche là ho messo un piede molto in alto e questo mi ha permesso di andare su, invece di saltar su come fanno di solito in quel punto . la via era come fatta per me perché mi piace l’altezza e ho grande resistenza e forza …. l’ho chiusa al quarto tentativo. Il giorno prima ho fatto Le chirurgien du crépuscule , 8b, e lì ho avuto più problemi per la redpoint. Non vedo l’ora di tornare a Céüse, l’atmosfera mi fa felice e mi dà una forza e una energia incredibili…"



"L’arquadémicien” del settore Half Moon ha anche ricevuto la visita dell’ italiano Gabri Moroni   ma senza successo. La via è un po ‘più difficile da quando Stephanie Bodet, che la sta provando, ha rotto una presa nel punto cruciale. Anche Alizée Dufraisse è abbastanza vicina al successo, per cui la vicenda va seguita….

Condividi: