FERRINO e CAMMINAUTISMO - Up-Climbing

FERRINO e CAMMINAUTISMO

Ferrino ritorna sul Cammino di Santiago con i ragazzi del progetto CamminAutismo

Si rinnova anche quest’anno la collaborazione fra Ferrino e i ragazzi, le famiglie e gli educatori dell’associazione Mulino Sambuy di San Mauro Torinese, che proprio oggi, a due giorni dalla ricorrenza della Giornata Mondiale dell’Autismo, hanno presentato presso la Sala Trasparenza della Regione Piemonte, la seconda edizione del progetto CamminAutismo.

A settembre dello scorso anno Ferrino è stata al fianco di tredici ragazzi, affetti da autismo con diversi livelli di supporto, che, dopo un lungo training di preparazione, hanno preso parte alla prima edizione dell’iniziativa, affrontato gli ultimi 114 chilometri del celebre Cammino di Santiago. L’azienda piemontese ha accompagnato i partecipanti in questa grande avventura, mettendo a disposizione le nostre migliori attrezzature da trekking e hiking.

Ferrino e CamminAutismo, edizione 2022.

Questa ambiziosa e innovativa esperienza, nata con l’obiettivo di creare occasioni di generalizzazione e “apprendimento in situazione” di autonomie essenziali dei ragazzi coinvolti, ha avuto risultati anche superiori alle aspettative.

I dati raccolti – hanno spiegato i formatori dell’associazione Mulino Sambuy nel corso della conferenza stampa – hanno evidenziato cambiamenti significativi nelle autonomie di base, sociali e relazionali, in otto specifici ambiti di intervento: orientamento, comportamento stradale, utilizzo dei mezzi di trasporto, utilizzo dei servizi, autonomie e igiene personale, abilità del vivere quotidiano, alimentazione, regole del contesto. Le testimonianze di alcuni genitori, inoltre, attestano la permanenza di alcune delle abilità acquisite anche dopo il ritorno a casa.

Ferrino e CamminAutismo, edizione 2022.

A fronte di questi esiti positivi il progetto CamminAutismo verrà riproposto anche nel corso del 2023, con il coinvolgimento di dieci ragazzi e ragazze adolescenti nello spettro autistico, tutti del territorio di Torino e afferenti alla Neuropsichiatria Infantile della ASL Città di Torino, che percorreranno gli ultimi 113 km del cammino portoghese da Tui a Santiago. Con loro, assieme al team di accompagnatori ed educatori, ci saranno anche tre dei ragazzi che hanno partecipato l’esperienza del precedente cammino, per mettere in atto un approccio basato sulla metodologia della peer education, così da fornire un modello e un supporto tra pari per i nuovi partecipanti.

Siamo orgogliosi di rinnovare questa partnership – commenta Giorgio Rabajoli, Direttore Vendite Italia – perché per noi rappresenta un’occasione di supporto alla comunità del nostro territorio e una testimonianza dello straordinario potenziale sociale e formativo dell’escursionismo e delle attività all’aria aperta, nel quale da sempre crediamo. Il nostro lavoro consiste nel raccogliere le sfide di ambiziosi esploratori e aiutarli a realizzare i propri progetti: oggi la sfida è camminare e aiutare questi ragazzi, le loro famiglie e gli educatori, rendendo il sogno ancora una volta reale.

Condividi: