BUGELEISEN SIT PER NIKY CERIA! - Up-Climbing

BUGELEISEN SIT PER NIKY CERIA!

Il capolavoro di Loskot/Hukkataival a Maltatal


Ancora una volta Niky dimostra di essere non solo uno dei più forti climber al mondo ma anche uno dei più profondi interpreti del boulder!

Niky sulla versione stand di Bugeleisen. Screenshot dal video IG

In questi ultimi anni ci siamo abituati a vedere un numero sempre crescente di boulderisti arrivare a livelli davvero alti, spesso con una facilità disarmante. Restano tuttavia pochissimi coloro che hanno una consapevolezza profonda del boulder e che riescono a viverlo al di là del solo exploit sportivo, comunicando quanto di più ampio questa disciplina può dare.
Come in più occasioni abbiamo avuto modo di sottolineare, Niky Ceria è senza dubbio uno di questi individui! Un boulderista da anni tra i più forti al mondo, con un livello da 8C+ ma ancora di più una creatività e un carattere unici e eccezionali.

In queste ultime settimane il biellese ha visitato prima i massi finlandesi, poi l’area di Maltatal ed è proprio in questa valle austriaca che ci porta la news di oggi. Qui troviamo infatti pietre miliari del boulder ad opera di Klem Loskot, insieme a Fred Nicole uno dei personaggi più importanti nell’aver rivoluzionato questa disciplina in chiave moderna. Linee come Bugeleisen, Emotional Landscapes, Wrestling with an Alligator e diverse altre… e Bugeleisen è proprio quella che Niky si è aggiudicato!Un pannello fortemente strapiombante a liste, che Klem liberò nel 2001 valutandolo 8B+. Oltre un decennio dopo arrivò Nalle Hukkataival che nel 2014 ne liberò una logicissima partenza sit, innalzando il grado fino al 8C/+ (poi stabilizzatosi sull’8C con le – pochissime – ripetizioni successive).

Sulla sit di 8C. Screenshot dal video IG

Il 7 novembre Ceria si è aggiudicato la versione stand, mentre l’11 novembre è stato il turno della sit. In una serie di post Instagram, Niky ha riportato una descrizione accurata del suo processo prima su una e poi sull’altra versione, il tutto accompagnato dai relativi video. Ciò che racconta permette di entrare in una prospettiva ben più ampia di che cosa voglia dire realizzare una linea estrema, dal processo personale che comporta, al rapporto che permette di stabilire con se stessi, con la roccia, con la storia passata…e tutte quelle componenti che rendono davvero questa disciplina un’arte, prima che uno sport. Sono post che meritano davvero di essere letti uno dopo l’altro e per questo li trovate linkati tutti qui di seguito.

Complimenti a Niccolò quindi non solo per l’eccezionale salita, ma anche per l’importante contributo con cui da sempre trasmette una passione sana e profonda per il sassismo!

Albertaccia

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Niccolò Ceria (@niky_ceria)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Niccolò Ceria (@niky_ceria)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Niccolò Ceria (@niky_ceria)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Niccolò Ceria (@niky_ceria)

Condividi: