COPPA DEL MONDO: ORO A DAVID KAMMERER! - Up-Climbing

COPPA DEL MONDO: ORO A DAVID KAMMERER!

LUCIA CAPOVILLA ARGENTO

Due medaglie in coppa del mondo paraclimb: oro a David Kammerer, argento a Lucia Capovilla.

Come da tradizione ormai, il paraclimb chiude la lunga settimana di gare di Salt Lake City. A causa del lungo viaggio che gli atleti devono intraprendere, la tendenza della IFSC è quella di creare il più possibile una continuità di gare nei continenti, permettendo a scalatori e staff di unire più competizioni in un’unica trasferta. Dopo le gare di boulder e speed, dove Matteo Zurloni è arrivato ai piedi del podio, il paraclimb ha chiuso la lunga settimana di eventi. Per questa disciplina, una delle ultime nate nel mondo arrampicata, l’attenzione del pubblico è in forte crescita, così come il livello degli atleti in gare. Grazie a questo trend in crescita, ci sono ottime possibilità che il paraclimb approdi alle paralimpiadi di Los Angeles 2028. La prospettiva a cinque cerchi è particolarmente golosa per quanto riguarda l’Italia, nazione con un vivaio sempre più ampio di atleti da medaglia.

Dopo il dominio assoluto del 2023, anno in cui sembrava imprendibile, Solene Piret (FRA) è stata messa alle corde da Lucia Capovilla, che oltre ad aggiudicarsi la medaglia d’argento, si è avvicinata come mai prima alle performance dell’aliena francese. L’eroina di casa Eleanor Rubin (USA) ha concluso il podio nella categoria AU2. Nella RP2, Jasmin Plank (AUT) si è imposta su Dina Eivik (NOR) ed Emily Seelenfreud (USA), mentre nella RP3, la vittoria è andata a Nat Vorel (USA), seguita da Marina Dias (BRA) e Manca Smrekar (SLO); sfiora la finale Elisa Martin, che conclude quinta. Lucie Jarrige (FRA) si è aggiudicata la vittoria nella categoria AL2 su Sarah Larcombe (AUS) e Morgan Loomis (USA). Per concludere il comparto femminile, nella categoria B3, la vittoria è andata a Phoebe Barkan (USA), seguita da Soneida Biendarra (USA) e Ivon Lawrenz (GER).

Il comparto maschile parte col botto grazie a David Kammerer, che conquista la prima medaglia d’oro in carriera, sbaragliando la concorrenza nella AL2, superando Ethan Zilz (USA) e Shuhei Yuki (JPN). La leggenda Angelino Zeller (AUT) domina invece la categoria AL1, imponendosi su Tanner Cislaw (USA) e Markus Posendorfer (AUT).  Lo svizzero Dominic Geisseler (SUI) batte sul tempo Liviu Matei (ROU) dopo una gara giocata su dettagli; terzo posto per Shamus Boulianne (CAN). Nella categoria RP3, Tadashi Takano (JPN) conquista top e oro, spedendo Luke Smith (GBR) e Igor Silva Mesquita (BRA) al secondo e terzo posto. Ivan Munoz vince nella categoria RP2, seguito da Benjamin Mayforth (USA) e Philipp Hrozek (GER). L’alfiere azzurro della RP1 Gian Matteo Ramini conclude quinto, appena fuori dalla finale vinta dal treno tedesco Korbinian Franck (GER); secondo posto per Alois Potter (FRA) e terzo per Glen Todd (AUS). La Germania trionfa anche nella AU2 con Kevin Bartke (GER), seguito da Brian Zarzuela (USA) e Trevor Smith (USA). La categoria Blind viene invece dominata dal Giappone, con Sho Aita (JPN) che vince nella B1, precedendo Francisco Aguilar Amoedo (ESP) e Razvan Nedu (ROU), e con Fumiya Hamanoue (JPN) nella B3, che si è imposto su Guillermo Pelegrin Gomez (ESP) e Andrew Martinez (USA).

Fonte e cortesia foto IFSC

Alessandro Palma

Condividi: