ARTHUR LEBRIS FLASHA THE DAGGER! - Up-Climbing

ARTHUR LEBRIS FLASHA THE DAGGER!

L’esordio internazionale di un giovane climber “onesto”

Dall’area di Cresciano e dal masso su cui si sviluppano Dreamtime e The Story Of Two Worlds, arriva la news di una salita flash di alto livello, con protagonista un climber finora sconosciuto sulla scena internazionale.
Il ventunenne francese Arthur Le Bris ha infatti salito flash una delle linee storiche di questo masso, The Dagger, celebre boulder liberato nel 2003 da Tony Lamprecht a cui nel 2005 Dave Graham aggiunse un’estensione in partenza a creare per l’appunto The Story Of Two Worlds. Finora solo Will Bosi era riuscito a salire questa linea al primo tentativo, a dimostrazione della rilevanza dell’exploit di Lebris.

Un ragazzo che, oltre al livello, dimostra anche una correttezza che spesso non si è vista molto in altri giovani emergenti di questi ultimi anni, e che per questo dà carattere alla sua realizzazione al di là della difficoltà comunque elevata.

Tutto inevitabilmente ruota attorno al grado… The Dagger fu infatti valutato 8B+ da Lamprecht ma negli anni successivi, anche per la scoperta di nuovi metodi, si assestò sull’8B duro. Negli ultimi anni, tuttavia è ricomparso spesso il “+” negli annunci delle varie salite, il che genera non poche perplessità se si considera che The Story of Two Worlds (che ne è l’allungamento) viene ora valutata dagli “onesti” come 8B+, come risultato dell’utilizzo delle knee-bar e anche per i nuovi metodi individuati. Questo rende quindi impossibile che The Dagger possa valere la stessa difficoltà della sua estensione…

Se Arthur seguisse il trend che altri climber hanno adottato per The Story of Two Worlds, (annunciando l’8C a fronte della realtà dei fatti) anche lui avrebbe avuto tutto l’interesse a adottare un grado “pompato” per The Dagger, oltretutto entrando così nel ristrettissimo cerchio di coloro che possono vantare l’8B+ flash.

Come dimostrato dal suo post IG sotto riportato, Lebris ha invece optato per l’onestà, dichiarando di ritenere The Dagger, 8A+/8B, in linea quindi con l’8B+ proposto per The Story…

Per quanto queste siano questioni puramente numerologiche che lasciano il tempo che trovano e che sono decisamente riduttive, da sempre sono quelle su cui purtroppo principalmente si discute e che poi condizionano la valutazione e il riconoscimento di una salita. Considerando poi l’informazione falsata e senza filtri spesso veicolata dai social media, va da se come le scale di valori possano venirne esse stesse falsate nel valutare la reale rilevanza di una salita.

Meno male quindi che esistono ancora arrampicatori che, come Le Bris, dicono le cose come stanno , andando al di là dei numeri pompati con cui potrebbero guadagnare più facile prestigio agli occhi della massa dei climber…

Albertaccia

Foto di Anteprima – Screenshot dal video Instagram

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Arthur le Bris (@arthur_lebris)

Condividi: