HOT BOULDER: HOFMANN, COUDERT E PELORSON - Up-Climbing

HOT BOULDER: HOFMANN, COUDERT E PELORSON

Tra 8C vecchi e nuovi a Bleau e lunghi traversi in Australia

Gli exploit top degli ultimi giorni

La rubrica Hot Boulder di questa settimana ci offre una bella tripletta di realizzazioni, tutte con caratteristiche diverse ma con in comune una tenenza sempre altissima!

Partiamo da Fontainebleau, dove due sono state le salite da 8C, con protagonisti due bleausard della nuova generazione, Nico Pelorson e Camille Coudert. Il primo è stato l’autore di una first ascent sullo stesso masso del Rocher Brulé che ospita anche l’ex primo 9A di Bleau, No Kpote Only di Charles Albert. Nico ha qui liberato una connessione tra l’8B di Faire La Pichard e l’8A de La Proue a Cleaude a creare La Picharrête, per la quale propone appunto l’8C. Sopra, il video della sua prima salita.

Dal Rocher Brulé al Rocher Greau, dove anche Camille Coudert chiude i conti con Le Pied a Coulisse, recentemente salito da Hugo Parmentier. Una bella battaglia per Coudert, che ha dovuto tenere duro anche mentalmente dopo essere caduto diverse volte all’ultimo movimento e poi anche sulla successiva placca finale, ma alla fine è andata. Il video sul suo profilo IG.

Infine, viaggiamo davvero dall’altra parte del mondo per raggiungere l’australiana Wedderbum Cave, un tetto situato non lontano da Sidney. Qui facciamo la conoscenza di Roman Alexander Hofmann, autore del boulder più duro del sito, sempre che lo si possa chiamare boulder… Roman ha infatti liberato un’estensione in partenza all’8B+ di Turbo Deluxe, per una linea che complessivamente presenta oltre 45 movimenti di resistenza e che ha battezzato Activate the Hyperdrive. Per questo viaggio Hofmann ha proposto il 9A grado via, corrispondente alternativamente ad un 8B/C boulder. A questo link, il video della first ascent.

Albertaccia

Fonte: 8a.nu, planetgrimpe.com, Instagram

Foto di Anteprima – Roman Alexander Hofmann su Activate the Hyperdrive. Screenshot dal video.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Camille Coudert (@camille_coudert_)

Condividi: